Serena Enardu dalla parte d’Alessandro Graziani: cosa ha detto

Serena Enardu commenta con una storia su Instagram le domande fatte ad Alessandro Graziani a Uomini e Donne da Gabriele Parpiglia

Photocredit Serena Enardu instagram

Serena Enardu commenta in modo ironico e positivo l’intervista a sorpresa di Alessandro Graziani, chiamato dalla redazione di Uomini e Donne nel programma per rispondere a Gabriele Parpiglia in merito alle dichiarazioni fatte al settimanale Chi da Pago che lo vedono parte in causa.

L’ex tronista in una diretta Instagram ha svelato quanto tutto quello che sta succedendo è fuori dal comune, commentare la sua presunta storia con l’ex tentatore non ha senso:“Povero Alessandro, mi dispiace ti chiedo scusa da subito per aver dovuto subire tutto questo polverone visto che adesso sarà intervistato o interrogato”. Alessandro ha risposto sinceramente alle domande e ha ammesso d’aver omesso una parte della verità ma solo per tutelare Serena e suo figlio bersagliati da continui commenti negativi sui social. L’ex tentatore era convito che l’Enardu avesse spiegato a Pago tutta la verità in privato.

Serena su Instagram sdrammatizza sulla presunta relazione, negando indirettamente che ci siano stati quattro mesi di storia , e con un commento fa comprendere quanto rimpianga d’aver rifiutato il giovane: “Cioè voi avete costruito quattro mesi di relazione? Ma magari!!! A questo punto vi dico ma magari!”.

Serena Enardu protetta dal silenzio di Alessandro Graziani

Messo all’angolo Alessandro Graziani ha rivelato parte della sua verità, indirettamente ha ammesso d’aver incontrato due volte Serena, poi ci sono stati dei messaggi fino a Dicembre ma lei era interessata solo a riconquistare Pago.

Il giovane ha provato a spiegare che se ha taciuto lo ha fatto solo per tutelare Serena e la sua famiglia: “No, ma veramente. Su una donna che ha un figlio a casa, secondo voi, io posso dire qualcosa?”. Per il momento Serena ha commentato il tutto su Instagram ma di sicuro le sarà concesso lo spazio adeguato per dire la sua verità.