Serie A tra sorprese e certezze gli scontri dell’8a giornata

Serie A

Finiti gli incontri di qualificazione a Euro2016 ecco come lo sguardo si risposta subito sulla Serie A che riparte con una giornata ricca di incontri interessanti e fondamentali per delineare la classifica, comandata dalla Fiorentina. Tra gli incontri clou della giornata troviamo lo scontro al vertice Napoli Fiorentina e il derby d’Italia: Inter-Juventus. Importanti per la classifica sono stati i due anticipi Roma-Empoli e Torino-Milan.

I giallorossi sono stati i primi a scendere in campo nell’anticipo casalingo delle 18 contro l’Empoli. La Roma è riuscita a sbloccare la partita solo al 56’ grazie ad una magistrale punizione di Pjanic, siglando il suo quarto gol in campionato e terzo su punizione. Tre minuti dopo è arrivato il raddoppio di De Rossi sugli sviluppi di un calcio d’angolo, gol che permette alla Roma di gestire con calma la partita che diventa ancora più semplice al 69’ con il gol di Salah servito da Gervinho dopo uno scatto bruciante sulla fascia destra. L’Empoli riesce a trovare il gol della bandiera al 75’ con Buchel che rovina di poco la vittoria giallorossa portando la Roma ad un solo punto dalla vetta. Nel secondo anticipo il Milan di Mihajlovic ha cercato di cambiare passo portando modifiche al modulo passando dal 4-3-1-2 al 4-3-3 lasciando in panchina Bacca (al rientro dagli impegni nazionali) e schierando Bonaventura – Luiz Adriano – Cerci. La partita però si sblocca solo nel secondo tempo al 63’ grazie ad un gol del neoentrato Bacca, ma il Milan dimostra di non saper gestire il risultato facendosi recuperare al 73’ da un gol di Baselli (4° in stagione). Nel lunch match il Palermo batte il Bologna per merito del gol di Vazquez, primo stagionale, lasciando i Rossoblu in fondo alla classifica. Negli incontri pomeridiani sorprendente è stato il Sassuolo, che vuole essere una conferma e non una sorpresa, che batte per 2-1 la Lazio grazie al primo gol di Berardi e al raddoppio di Missiroli che vanifica il tentativo di rimonta biancoceleste siglato da Felipe Anderson. Anche l’Atalanta vuole essere una certezza del campionato e lo conferma con la prestazione odierna che ha permesso di battere per 3-0  il Carpi guidato dal nuovo allenatore Sannino. Le reti di Pinilla e Gomez (direttamente da calcio d’angolo) nel primo tempo e di Cigarini su rigore nel secondo. Il Frosinone approfitta delle sconfitte delle pretendenti alla salvezza e porta a casa la seconda vittoria in Serie A  contro la Sampodoria. Il Marassi, invece, ha visto un grande spettacolo tra Genoa e Chievo che ha visto i liguri vittoriosi per 3-2  segnando il gol vittoria al 93’ con Tachtsidis. Si chiude in pareggio la sfida che ha visto protagoniste Hellas Verona e Udinese. Il Big match del pomeriggio è stato Napoli-Fiorentina che ha visto vittoriosi i partenopei per 2-1. Il Napoli passa in vantaggio all’inizio del secondo tempo con Insigne (6° gol). Pareggio raggiunto da Nikola Kalinic che però è durato solo 2 minuti cioè il tempo necessario ad Higuain per riportare il Napoli sopra di un gol.

Loading...

Il vero Big match dell’8° giornata è stato però il posticipo che ha visto di fronte Inter – Juventus. Derby d’Italia che però non ha visto ne vincitori ne vinti, infatti è terminato 0 – 0, risultato che permette all’Inter di non dover ridimensionare i propri sogni scudetto, recuperando un punto dalla testa della classifica, mentre conferma i segnali di ripresa bianconera.