Serie A: la Roma si rialza e batte 3-0 il Torino

La Roma non molla la Juventus e risponde al roboante 7-0 dei bianconeri sul Parma, con una vittoria netta contro il Torino all’Olimpico. I giallorossi raggiungono quindi l’obiettivo di arrivare alla sosta per le nazionali a soli tre punti  di distanza dalla Juventus capolista. Un successo molto importante per la Roma che consente di rialzare la testa dopo una serie di partite negative culminate con la seconda sconfitta contro il Bayern Monaco. Altra notizia molto importante una freschezza atletica ritrovata che sarà utile per chiudere, una volta per tutte, le polemiche sulla preparazione estiva svolta dai giallorossi.

Primo Tempo – Solita partenza a razzo della squadra di Garcia che è subito pericolosa e trova il goal in apertura con Torosidis, abile a sfruttare un cross di Totti e a depositare all’angolino il pallone. Il Torino prova una reazione ma si trova di fronte una Roma ben centrata e che attua un pressing molto alto, non consentendo una manovra fluida ai granata.  Nel proseguo del primo tempo è ancora la Roma ad essere pericolosa con una punizione magistrale di Pjanic che si stampa sulla traversa. Ma il raddoppio non tarda ad arrivare e dopo una bella azione con tutti tocchi di prima, Keita trova la sua prima rete con la maglia giallorossa con un sinistro rasoterra che trafigge Gilet.

Secondo Tempo – Nella ripresa i granata provano a riaprire la partita e creano una buona occasione con Peres, ma è la Roma che trova la terza rete. Pjanic imbecca con un passaggio filtrante Ljajic che è bravo ad agganciare la palla e a fulminare il portiere granata con un bel destro a giro. I giallorossi controllano il match fino al termine della gara e negli ultimi dieci minuti c’è spazio per il ritorno in campo, dopo otto mesi di assenza, di Kevin Strootman accolto da un boato dell’Olimpico. Il resto della partita è pura accademia con la squadra di Garcia che congela il possesso palla fino al termine della gara.

Loading...

Ottima prestazione dei giallorossi che ritrovano gioco e freschezza atletica. Notizie confortanti per Garcia che sembrava aver perso le redini della squadra nelle ultime partite. La Roma resta a tre punti di distacco dalla Juventus e tiene il Napoli a distanza. Ora la sosta delle nazionali garantirà di recuperare dei giocatori infortunati e quindi Garcia può guardare ai prossimi impegni con ottimismo. Da segnalare un siparietto tra Totti e Garcia, con il capitano della Roma che non ha gradito il cambio ed è andato direttamente negli spogliatoi, senza aspettare il termine della partita.

Top e Flop:

Top Ljajic –  il calciatore serbo spesso criticato per la mancanza di continuità, trova una prestazione convincente sia dal punto di vista offensivo che nella fase di copertura. Abbellisce la sua prestazione con un goal fantastico.

Flop Farnerud –  il centrocampista del Torino viene schierato in posizione più avanzata per cercare di dare fastidio alla retroguardia giallorossa, ma non trova mai la posizione corretta. Viene sostituito da Ventura all’inizio della ripresa.

ROMA-TORINO 3-0 (2-0)

Roma (4-3-3): De Sanctis , Torosidis , Manolas  (32′ st Nainggolan ), Yanga-Mbiwa , Cole , Pjanic , De Rossi , Keita  (38′ st Strootman ), Ljajic , Totti  (25′ st Destro ), Gervinho  (28 Skorupski, 50 Somma, 91 Calabresi, 82 Emanuelson, 32 Paredes, 48 Ucan, 7 Iturbe, 96 Sanabria, 53 Verde). All.: Garcia.
Torino (3-5-2): Gillet , Maksimovic , Glik , Moretti , Bruno Peres , Gazzi , Vives  (43′ pt Nocerino ), Farnerud  (1′ st Sanchez Mino ), Darmian, El Kaddouri, Quagliarella  (30 Padelli, 13 Castellazzi, 18 Jansson, 32 Masiello, 3 Molinaro, 21 Gaston Silva, 6 Ruben Perez, 22 Amauri, 9 Larrondo, 17 Martinez). All.: Ventura.
Arbitro: Banti di Livorno 5.5.
Reti: nel pt 8′ Torosidis, 27′ Keita; nel st 13′ Ljajic.
Angoli: 5-2 per il Torino.
Recupero: 1′ e 3′.
Ammoniti: Totti, Quagliarella per gioco scorretto, Glik per proteste.
Spettatori: 35.770 per un incasso di 1.016.176,00 euro.