Su Marte vengono scattate solo foto in bianco e nero, ecco perchè

I rover devono avere una tecnologia speciale per scattare le foto su Marte

Recentemente, le tecnologie utilizzabili per poter scattare una foto sono molto cambiate, diventando con il passare del tempo sempre più evolute e precise. Rapidamente il mondo della fotografia ha visto una modifica radicale, dalle fotografie in bianco e nero a quelle digitali in alta qualità. Ormai tutti i dispositivi di utilizzo comune sono dotati di una fotocamera, così come i rover che vanno in esplorazione su Marte. Tuttavia, questi gioiellini tecnologici sono dotati di una fotocamera piuttosto “ordinaria” non capace di catturare tutte le sfumature del Pianeta rosso.

La prima fotografia scattata su Marte risale al 1971, grazie al lander sovietico Mars 3. Il lander fu in grado di inviare sulla terra solo una prima immagine, poiché il suo atterraggio sul pianeta si mostrò fallimentare. Inoltre, la foto scattata non mostrava nulla. Solo cinque anni dopo, Viking 1 Lander, fu in grado di inviare delle immagini migliori. Questo perché il secondo lander era dotato di una telecamera munita di vidicon (tubo per videocamera) e specchio in grado di ruotare, per poter mettere a fuoco rapidamente.

- Advertisement -

Le differenze tra le fotocamere dei rover e quelle ordinarie

Attualmente, invece, i sistemi fotografici dei rover sono decisamente più avanzati. Il rover Curiosity, per esempio, è dotato di un sistema di telecamere progettato, costruito e gestito da Malin Space Science Systems di San Diego, ed è composto da ben 17 apparecchiature. Alcune di esse, sono destinate alla ricerca dei pericoli sulla superficie del pianeta.

Le telecamere in questione, sono telecamere di ingegneria e sono differente da quelle che vengono utilizzate per le fotografie normali sulla terra. In primo luogo, sono monocromatiche, quindi scattano solo in scala di grigi. Questo perché le immagini monocromatiche contengono meno dati e pertanto sono più facilmente trasmissibili sulla terra. Per lo stesso motivo, scattano solo ad una risoluzione bassa, di circa 1,05 megapixel. Molto meno di quanto sia in grado di fare un moderno smartphone. Inoltre, consentono al rover di acquisire anche immagini 3d, molto utili nel suo percorso di orientamento sul pianeta.

Star Wars: Young Jedi Adventures seconda stagione

Disney+ ha rilasciato il trailer della seconda stagione di Star Wars: Young Jedi Adventures, la serie originale animata di Lucasfilm che debutterà mercoledì 14 agosto...