Tecnologia e arte si fondo per far rivivere Magritte

Una mostra su un pittore, ma senza alcuna tela esposta: è questa la particolarità di Insieme Magritte, l'innovativo percorso espositivo multimediale dedicato al maestro del Surrealismo che è stato inaugurato nei giorni scorsi a Milano, presso Cattedrale della Fabbrica del Vapore.

magritte

Una mostra senza quadri

A rendere possibile questo “miracolo” è la tecnologia della Canon, che ha messo a disposizione dell’organizzazione il suo know how in campo visual communication: nello specifico, sono stati utilizzati 29 proiettori Canon XEED, modelli tra i più performanti ed efficienti della società giapponese, che ha nella lampada la “marcia in più”. Nella scheda del sito lampexpert.it, specializzato in questo segmento, si segnala in particolare che queste lampade per video proiettori, si evidenzia che questa gamma di prodotti “consente di ottenere immagini mozzafiato, grazie alla risoluzione WUXGA nativa, alla luminosità colore di 6.000 lumen, alla porta HDBaseT e a una scelta tra cinque obiettivi opzionali di alta qualità”.

La tecnologia al servizio dell’arte

Tutto questo è servito a Crossmedia Group – Hepco e 24 ORE Cultura, con la regia di The Fake Factory e la promozione del Comune di Milano, a dar vita all’evento “Inside Magritte”, l’inedito dedicato al grande maestro surrealista René Magritte che è stata realizzata con il supporto della Succession Magritte di Bruxelles a cura di Julie Waseige e ha preso vita presso la Fabbrica del Vapore grazie all’innovativa tecnologia di Canon, Digital Imaging Partner della mostra.

Magritte e le sue opere in videoproiezione

I proiettori sono stati scelti per l’incredibile capacità di elaborazione le immagini e l’elevata luminosità, che si uniscono alle caratteristiche di efficienza anche per tutta la portata dello zoom, così da assicurare prestazioni elevate e colori vivaci anche in presenza di luce ambientale intensa. È così che si dà vita a una grande videoproiezione senza soluzione di continuità, in cui le opere prendono forma attraverso immagini nitide e precise che scorrono lungo le pareti e i pavimenti dell’ampia sala immersiva, rendendo il visitatore protagonista della visione, catturato dall’immaginario mondo dell’artista surrealista.

Immergersi in un’esperienza innovativa

In termini tecnici, l’organizzazione della mostra comunica che “l’eccezionale impatto visivo del progetto di videoproiezione è supportato dal sistema Matrix X-Dimension, che gestendo l’interconnesione delle soluzioni all’interno della struttura di multiproiezione è in grado di trasmettere sulle superfici dell’installazione oltre 40 milioni di pixel, offrendo una definizione maggiore del Full Hd“. Grazie a questo sistema è stato possibile creare una vera e propria Sala Immersiva, in cui l’universo pittorico dell’autore belga prende vita, con un percorso che tocca i principali momenti della sua vita artistica, dagli esordi alle ultime opere.

Un viaggio dentro Magritte

In totale, l’esperienza dura all’incirca 50 minuti e porta il visitatore a scoprire circa 160 opere animate e fotografate su un’area di oltre mille metri quadrati, con musica ed effetti che coinvolgono tutti i sensi dei partecipanti. Come dice Massimiliano Ceravolo, Director Professional Imaging Group & Marketing ITCG di Canon Italia, “Inside Magritte propone al visitatore un percorso in un cui l’arte si fonde con la tecnologia e con essa si trasforma, raggiungendo un nuovo livello di intensità”, consentendo di superare il “vecchio” concetto di quadro e di mostra per sperimentare un innovativo canale di comunicazione artistica.

Potrebbero interessarti anche