Il Tirreno assume 4 giornalisti

iltirreno

Nella sezione “Lavora con noi” del Gruppo Editoriale Espresso si legge “Il Tirreno assume giovani giornalisti”

Il Tirreno è una testata del Gruppo Espresso, leader della costa toscana, è attualmente alla ricerca di 4 giovani che saranno assunti a tempo indeterminato in una delle sue redazioni come praticanti o professionisti a seconda del loro status professionale.

Loading...

Si richiede ai giovani che supereranno le selezioni competenza e curiosità, serietà ed incisività, cultura generale e digitale.

Requisiti specifici per la selezione:

–    Laurea Triennale e/o Magistrale con voto di 100 o superiore, conseguita preferibilmente da non più di 5 anni
–    Ottima conoscenza dell’inglese scritto e parlato (almeno a livello B2 del Common European Framework of Reference for Languages)

Saranno poi valutate:

–    Una comprovata presenza digitale;
–    Qualità e pertinenza dei materiali proposti (v. sotto);
–    L’attitudine personale alla professione;
–    L’esperienza giornalistica già maturata;
–    La conoscenza di altre lingue straniere;
–    La frequenza di scuole o corsi di giornalismo;
–    Altre competenze specifiche nel campo del giornalismo;
–    La conoscenza delle problematiche politiche economiche e sociali delle città toscane sarà ritenuta un valore.

Per partecipare alla selezione bisognerà collegarsi al portale del Gruppo Espresso (www.gruppoespresso.it) e rispondere al relativo annuncio, pubblicato nella sezione “lavora con noi”, entro il 15 ottobre 2015, inserendo:
–    Un curriculum delle proprie esperienze e competenze rilevanti per il lavoro richiesto;

–    Un testo di autopresentazione (massimo 2.000 caratteri) che illustri le proprie motivazioni e ambizioni e spieghi perché Il Tirreno farebbe bene ad assumere il candidato.

Processo selettivo:

Entro il 15/11/2015 sarà inviata una risposta a tutti i candidati. Tra tutti coloro che hanno presentato domanda saranno scelti fino ad un massimo di 50 candidati ai quali sarà chiesto di presentare entro 15 giorni:
–    Tre proposte dettagliate di servizio giornalistico, quali quelle che un free lance invierebbe al capocronista di un giornale locale;
–    Il link ad una di queste proposte, a propria scelta, che dovrà essere sviluppata al meglio con gli strumenti digitali e pubblicata su qualsiasi piattaforma online;
–    Una selezione di link a profili, account e materiali online del candidato (es: Twitter, Facebook, Linkedin, YouTube, Flickr, ecc.) che meglio possono disegnare la propria presenza social nel mondo digitale
Una commissione interna al Gruppo Espresso – analizzando i materiali inviati e anche attraverso un colloquio che punterà a verificare la personalità, la propensione all’attività giornalista, la cultura generale –  selezionerà un gruppo di otto candidati che avranno la possibilità di fare uno stage retribuito di tre mesi in una delle redazioni del Tirreno nel periodo febbraio-ottobre 2016 seguiti da un tutor del giornale.
Sarà l’occasione di dimostrare nel lavoro quotidiano, fianco a fianco con i redattori, la propria capacità di integrarsi in un ambiente di lavoro e di inserirsi nella gestione e distribuzione del flusso di informazione carta/web/social sviluppato da Il Tirreno.
Alla fine dello stage, il direttore de Il Tirreno sceglierà i quattro giovani giornalisti che saranno assunti, secondo le regole del contratto nazionale, in una delle redazioni nell’arco del 2016-2017.
La lista finale dei selezionati rimarrà a disposizione degli altri giornali locali del Gruppo Espresso.

Per ulteriori informazioni e per scaricare il bando clicca qui

A volte forse ... un po’ sopra le righe, ma questa caratteristica mi permette di adattarmi alle situazioni più varie. Sono Carmela Giordano, ma preferisco essere chiamata Carmen, ormai è tutta la vita che mi presento così e a volte mi sbagliano anche i documenti, ma non fa niente, si correggono. Nel 2001 mi laureo il psicologia presso l’ateneo di Urbino. Il lavoro di tesi mi porta ad avvicinarmi ad un mondo “senza parole” fatto di sensazioni, ad un mondo dove … “non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi” (da Il piccolo principe). Divento insegnante di massaggio infantile e socia dell’AIMI, Associazione Italiana Massaggio Infantile. Negli anni, conseguo altre certificazioni, perfezionamenti e specializzazioni. Con la tesi di specializzazione, discussa nel novembre del 2008, riesco ad unire le due passioni della vita: il teatro, con lo studio del "Metodo Stanislavskij" e la psicologia, con l’ottica Funzionale. Nel tempo mi sono occupata di tanti ambiti diversi: clinica, formazione, psicodiagnosi, marketing ed organizzazione di eventi, editoria ed altro.
Potrebbero interessarti anche