Top tre: i momenti più incredibili al tavolo da poker

poker

Il poker dal vivo regala sempre momenti incredibili, da conservare con gelosia nel cassetto dei ricordi. Durante la gloriosa storia di questo sport da tavolo, tornei come l’Irish Open Poker, l’EPT di Barcellona e le World of Series of Poker hanno regalato attimi epici da vedere e rivedere. Ogni volta che si guardano queste appassionanti sfide, una domanda sorge spontanea: il poker è uno sport di abilità o la vittoria viene decisa anzitempo dalla dea bendata?

Il miglior modo per rispondere a questa domanda è quello di vedere all’opera i maestri del poker: ecco i tre momenti più incredibili dei tornei internazionali, in cui abilità personali e pura fortuna, vivono in armonia all’interno dell’anima dei grandi giocatori.

Loading...

1 Irish Open Poker 2015: lo slowroll più incredibile di sempre!

L’Irish Open Poker, tenutosi dal 3 al 6 aprile al Doubletree Hilton Hotel di Dublino, è uno dei tornei più famosi ed antichi nel mondo, secondo solo alle celebri World Series of Poker.

Questa manifestazione, grazie al costante sostegno di Paddy Power poker, è diventata uno degli eventi più grandi al mondo, fino a raggiungere nel 2010, il numero di 710 giocatori iscritti.

Nell’edizione del 2015, l’eliminazione dell’ottavo classificato Andreas Gann ha fatto il giro del mondo, diventando uno dei momenti più incredibili della storia di questo gioco da tavolo. Il tedesco non è uno dei giocatori più amati al mondo e dopo tanta immeritata fortuna, il destino ha colpito come solo un cecchino implacabile può fare: uno dei slowroll più stupidi di sempre si è rivoltato contro, dando il piatto al suo avversario, l’irlandese O’Dea, eliminando così Gann dal torneo. Giustizia è stata fatta!

2 EPT di Barcellona 2005: il magnifico bluff di Alex Stevic

Il bluff è una forma d’arte che distingue il semplice giocatore dal campione, perché non tutti sono in grado di eseguirlo alla perfezione. Questa mossa nel poker è la somma d’ingegno e freddezza, il tutto condito da una perfetta velocità d’esecuzione.

Alex Stevic mostra al mondo intero, nel 2005, durante l’EPT di Barcellona, come rendere un bluff una mossa incredibile e vincente. Al tavolo finale del torneo il giocatore effettua una grandissima giocata: con solo due miseri 7 e 4 di quadri tiene in scacco il suo avversario, portandolo alla sconfitta. Una cosa che non succede tutti i giorni al tavolo da poker!

3 World Series of Poker: Alcober vs Van Tran

Alle World Series of Poker, al Main Event del 2012, è andata in scena una delle sfide più emozionati ed incredibili di sempre. I due giocatori di poker si sono sfidati a colpi di coppie d’assi? No, i protagonisti hanno duellato senza nessuna effettiva carta di valore in mano.

A partire dal preflop, si susseguono rilanci e contro-rilanci, ma nessuno si decide a sferrare il colpo, allora tocca a Van Tran prendere in mano il vento del destino: il giocatore canadese decide di chiamare il suo avversario al river, avendo tra le mani un tre di fiori e un due di cuori! Scelta apparentemente folle, ma incredibilmente vincente!