Un nuovo studio rivela i danni cardiaci causati dal Covid

Nuovo studio sui danni cardiaci causati dal Covid-19: è colpa della capacità del virus di replicarsi dentro le cellule cardiache

Un nuovo studio della Washington University School of Medicine di St. Louis fornisce la prova che il danno cardiaco dei pazienti COVID-19 è causato dall’invasione e dalla replica del virus all’interno delle cellule del muscolo cardiaco, portando alla morte cellulare e interferendo con la contrazione del muscolo cardiaco.

I ricercatori hanno utilizzato le cellule staminali per progettare il tessuto cardiaco che modella l’infezione umana e potrebbe aiutare nello studio della malattia e nello sviluppo di possibili terapie. “All’inizio della pandemia, avevamo le prove che questo coronavirus può causare insufficienza cardiaca o lesioni cardiache in persone generalmente sane, il che era allarmante per la comunità cardiologica”, ha detto l’autore senior Kory J. Lavine, MD, PhD, professore associato di medicina.

- Advertisement -

“Persino in alcuni atleti del college che erano stati autorizzati a tornare all’atletica leggera, è stato rilevato che l’infezione da COVID-19 in seguito ha mostrato cicatrici nel cuore. Si è discusso se ciò sia dovuto a un’infezione diretta del cuore o a una risposta infiammatoria sistemica che si verifica a causa dell’infezione polmonare.”

“Il nostro studio è unico perché dimostra definitivamente che, nei pazienti con COVID-19 che hanno sviluppato insufficienza cardiaca, il virus infetta il cuore, in particolare le cellule del muscolo cardiaco”. Lavine e i suoi colleghi – inclusi i collaboratori Michael S. Diamond, MD, PhD, Herbert S. Gasser Professor of Medicine e Michael J. Greenberg, PhD, assistente professore di biochimica e biofisica molecolare – hanno anche usato cellule staminali per ingegnerizzare il tessuto che modella come si contrae il tessuto cardiaco umano.

- Advertisement -

Studiando questi modelli di tessuto cardiaco, hanno determinato che l’infezione virale non solo uccide le cellule del muscolo cardiaco, ma distrugge le unità di fibre muscolari responsabili della contrazione del muscolo cardiaco. “L’infiammazione può essere un secondo colpo oltre ai danni causati dal virus, ma l’infiammazione stessa non è la causa iniziale della lesione cardiaca“, ha detto Lavine. Lavine ha detto che SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, è unico nell’effetto che ha sul cuore, specialmente nelle cellule immunitarie che rispondono all’infezione. Nel COVID-19, le cellule immunitarie chiamate macrofagi, monociti e cellule dendritiche, dominano la risposta immunitaria. Per la maggior parte degli altri virus che colpiscono il cuore, i linfociti T e B del sistema immunitario sono sulla scena. “COVID-19 sta causando una risposta immunitaria diversa nel cuore rispetto ad altri virus, e non sappiamo ancora cosa significhi”, ha detto Lavine.

“In generale, le cellule immunitarie viste rispondere ad altri virus tendono ad essere associate a una malattia relativamente breve che si risolve con una terapia di supporto. Ma le cellule immunitarie che vediamo nei pazienti cardiopatici COVID-19 tendono ad essere associate a una condizione cronica che può avere conseguenze a lungo termine. Queste sono associazioni, quindi avremo bisogno di ulteriori ricerche per capire cosa sta succedendo.”

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.