Un ultrà del Feyenood su una T-shirt: “Vi aspettiamo giovedì, accoltellatori romanisti”

Feyenoord

Prima lo sfregio alla città di Roma, ora un ultrà della squadra olandese Feyenood prende in giro i “rivali” della Capitale, che giovedì sera alle 21 saranno a Rotterdam per una partita già carica di tensione ancora prima di iniziare. Una partita per la qualificazione agli ottavi di finale di Europa League.

Con Photoshop il “tifoso” ha creato una T-shirt che mostra l’immagine della famosa Fontana della Baracaccia del Bernini danneggiata la settimana scorsa, la frase “Je suis fountain” (“Io sono la fontana”, riprendendo lo slogan Je suis Charlie”, nato all’indomani dell’attentato del 7 gennaio alla redazione della rivista satirica parigina Charlie Hebdo), e sotto la frase: “Abbiamo scherzato, ci vediamo giovedì. Voi feccia degli accoltellatori della As Roma“. L’immagine è stata poi postata su Twitter, creando un mare di polemiche, e colui che ha realizzato la maglietta ha cercato di difendersi con un piccato “Non avete ironia”.

Loading...

Tuttavia c’è ben poco da essere ironici: alla partita sono attesi circa 2.500 tifosi giallorossi e si teme “vendetta” per gli atti vandalici commessi dagli hooligans olandesi nella Città Eterna. L’allerta è massima. Addirittura Fabrizio Grassetti, presidente dell’Unione Tifosi Romanisti (Utr), appena atterrato all’aeroporto di Amsterdam ha denunciato che, dopo una prima accoglienza gentile da parte degli agenti, che li hanno scortati su due pullman, sono stati fatti fermare in aperta campagna, scendere ad uno ad uno, sono state scattate loro due foto segnaletiche – una col viso e una con i documenti – e poi sono stati perquisiti meticolosamente con i loro bagagli per due ore e mezza sotto la pioggia, senza nemmeno la possibilità di andare ai servizi.

 

 

 

Dopo la maturità classica, mi sono laureata all'Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano in Scienze dell'Educazione, con una tesi in Pedagogia Interculturale dal titolo "Donna e Islam: la questione del velo". Scrivo per diverse testate on-line come "Al-Maghrebiya", "Ebraismo e dintorni", il blog del "Legno Storto" su argomenti riguardanti il mondo arabo e islamico, soprattutto per quanto riguarda la condizione della donna, il Medio Oriente, Esteri, immigrazione e integrazione. Ho scritto due racconti: "Dopo la notte" (Il Filo, 2009) e "Soltanto una donna" (Albatros - Il Filo, 2011).