Respinta al confine con la Francia migrante muore dopo il parto

La donna è stata tenuta in vita il più possibile per consentirle di portare avanti la gravidanza. Scattata la gara di solidarietà per piccolo e padre

Migrants disembark from the Iceland Coast Guard vessel Tyr, at the Messina harbor, Sicily, southern Italy

Torino.  Una migrante nigeriana , malata di un grave linfoma ed incinta di poche settimane è stata respinta alla frontiera di Bardonecchia dalle autorità francesi e , dopo il parto cesareo è morta all’ospedale Sant’Anna di Torino. La donna nigeriana di 31 anni era stata soccorsa dai volontari di Rainbow4Africa, ed è riuscita a dare alla luce un bimbo di 700 grammi.  Se non fosse stato per i volontari la corsa contro il tempo per salvare la vita che cresceva in quella donna malata sarebbe stata brevissima. Ricoverata per una settimana all’ospedale di Rivoli è stata poi trasferita al Sant’Anna, nel reparto di Ostetricia e Ginecologia. Seguita anche dagli esperti della Ematologia ospedaliera delle Molinette , ma dopo il parto le condizioni della donna sono precipitate all’improvviso e non c’è stato più niente da fare per salvarle la vita.

Lo sfogo dei volontari

Dure sono state la parole di Paolo Narcisi rilasciate all’ANSA <<Le autorità  francesi sembrano aver dimenticato l’umanità. I volontari che l’hanno soccorsa col marito dicono che “non si reggeva sulle gambe». Eppure, i gendarmi, anziché accompagnarla al vicino ospedale di Briancon, l’hanno scaricata davanti alla stazione di Bardonecchia «come un pacco». «Anzi, i corrieri trattano meglio i pacchi…».

Un miracolo della vita, nella tragedia della morte della giovane mamma, che ha lasciato solo il giovane padre a prendersi cura del bimbo. Tra i medici del Sant’Anna è scattata una gara di solidarietà. «Partecipiamo volentieri», dice Narcisi, che invita a non avere paura e ad aprirsi all’accoglienza. “Perché un giorno – conclude – potrebbe toccare a noi…»

Loading...