83enne spara alla moglie, al figlio disabile e ai vicini di casa e poi tenta il suicidio

L'uomo è ora ricoverato in gravi condizioni

È successo nella notte, a Rivarolo Canavese, in provincia di Torino. Un uomo di 83 anni ha sparato al figlio disabile, alla moglie e ai padroni di casa e poi ha tentato di togliersi la vita. Adesso è in gravi condizioni, in prognosi riservata.

Ancora sconosciute le motivazioni dietro a questa furia omicida.

- Advertisement -

Le 4 vittime sono la moglie 79enne di Tarabella, Rosaria Valovatto, il figlio Wilson, di 51 anni, e i proprietari di casa Osvaldo Dighera, 74 anni e la moglie Liliana Heidempergher, 70. I proprietari abitavano al piano superiore dello stabile.

I corpi delle quattro vittime, sono stati ritrovati intorno alle 3 di notte. La pistola utilizzata era regolarmente detenuta.

- Advertisement -

È stata la figlia dei proprietari di casa a lanciare l’allarme: la donna, che abita in un palazzo di fronte a quello dei genitori, non riusciva a entrare in contatto con gli anziani. Allora si è recata a casa loro, ma non ricevendo risposta, preoccupata, ha chiamato i carabinieri. Giunti sul posto, hanno suonato ma senza ricevere risposta. Così hanno poi citofonato all’appartamento dell’83enne che prima ha risposto ma poi ha smesso di dare segnali, finché non ha tentato il suicidio. I carabinieri hanno così fatto irruzione nella palazzina, trovando i corpi delle 4 vittime e l’omicida in fin di vita.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.