Adama Traorè e il metodo per sfuggire alle trattenute

Lo staff medico di Adama Traorè è preoccupato per la sua spalla, proprio per questo ha escogitato un metodo per "salvarlo" dalle trattenute

Photocredit https://commons.m.wikimedia.org/wiki/File:Adama_Traor%C3%A8_Training.jpg

Il calcio rientra sicuramente nel novero degli “sport pericolosi”. Diversamente da altri sport, visibilmente pericolosi come la boxe, MMA ecc. il calcio sembra essere “più tranquillo”, tuttavia non è proprio così. I calciatori sono tra gli sportivi maggiormente soggetti a falli, come sa bene la stella del Wolverhampton, Adama Traorè. Il fuoriclasse, grazie alla sua tecnica e alla sua velocità che gli permettono di correre con il pallone attaccato al piede, ha subito e tutt’oggi subisce moltissimi falli.

I difensori delle squadre avversarie tendono a commettere falli per riuscire a togliere il pallone dal suo controllo. Per sfuggire alle trattenute e ai continui falli, il giocatore ha inventato un metodo infallibile. Infatti, i terzini delle squadre di Premier sono soliti strattonarlo per un braccio e tirarlo a terra, causandogli diversi problemi fisici.

Proprio per questo, la spalla di Traorè sta causando alcune preoccupazioni tra il personale sanitario del club, a causa delle trattenute ricevute. La spalla gli è uscita già 5 volte, da quando gioca al  Moulineux. Tutto ciò inevitabilmente incide sulla tranquillità del giocatore e sulle sue prestazioni in campo.

Le braccia scivolose come metodo per sfuggire ai falli

Una fonte interna al club ha rivelato che il calciatore insieme ai preparatori atletici ed i fisioterapisti, avrebbe deciso di cospargersi le braccia con olio per bambini, per poter evitare gli appigli per i falli da parte degli avversari. Con le braccia scivolose, infatti, risulterà sicuramente più complicato per i giocatori delle squadre avversarie trascinarlo a terra. Da non dimenticare il giallo sulla sua maglietta che tempo fa fece molto clamore sul web.

“I difensori sono così spaventati di vederselo scappare da davanti con la sua velocità che cercano di prenderlo tirandogli il braccio. Il che ha fatto sì che durante le partite gli sia uscita più volte la spalla. Lubrificargli il braccio rende più complicato per gli avversari riuscire a trattenerlo e dovrebbe aiutare a evitare altri danni”.Adesso la speranza è che gli avversari, conosciuto il suo trucchetto, non decidano di colpire le gambe. In quel caso, nemmeno l’olio può fare miracoli.