Da Alex a Cerci: le sei trattative di Milan e Roma

264511_heroa

Comincia a intensificarsi il calciomercato di Milan e Roma. La prima cerca il riscatto dopo la stagione deludente appena passata, in attesa dell’ufficializzazione di Pippo Inzaghi come allenatore. La seconda deve rinforzarsi in vista della Champions, cercando di non farsi sfuggire Benatia.

Partiamo dal Milan. Tre sono i colpi che i rossoneri stanno mettendo a segno: Menez, Alex e Gabriel Silva. Per il primo c’è un contratto triennale; il francese sembra l’alternativa ideale di Adel Taarabt. AlexGalliani, dopo aver fatto scalo a Marsiglia, è rientrato a Milano giusto in tempo per cenare con l’agente di Alex, Kia Joorabchian. Ieri sera era dato per firmante — ma di un contratto biennale — anche il difensore brasiliano del Psg, pure lui svincolato da luglio. Verrebbe da dire, due piccioni parigini con una fava. L’avvento di Alex significherà la cessione di Rami? No, i due più che pestarsi i piedi, si complementano: lo si dice in ambienti Milan, e tanto ci basta. Poi c’è anche il difensore udinese Gabriel Silva, un obiettivo fissato e in dirittura d’arrivo. Il suo cartellino è valutato — sponda Udinese — sugli 8 milioni di euro, anche se il Milan pagherà dando la metà in denaro, più un giovane non bizzoso. In questo caso si tratterebbe pure di uno smacco ai cugini nerazzurri, anch’essi interessati al terzino sinistro brasiliano.

Loading...

Veniamo alla Roma, che pure cala un tris. “Serve gente da Champions“, diceva Rudi Garcia giusto 10 giorni fa. Detto, fatto: il primo acquisto della nuova Roma è il centrocampista Seydou Keita, 34 anni, uno che la Champions l’ha vinta due volte con il Barcellona, che in quella competizione ha messo insieme 54 presenze. Stesso agente di Garcia (Pascal Boisseau), ha già parlato col tecnico: arriva a parametro zero, svincolato dopo gli ultimi sei mesi di Valencia in cui ha dimostrato di essere ancora un giocatore di buon livello. L’ufficialità arriverà nei prossimi giorni, ma l’accordo è praticamente definito: un anno di contratto a un milione di euro più facili bonus, tali da convincere il giocatore a rifiutare l’offerta di rinnovo del Valencia e le avances del Liverpool, che lo aveva cercato già a gennaio.

Ma il cuore del mercato della Roma è altro. È un’autostrada che porta dritta a Torino, perché è lì che il d.s. Sabatini vorrebbe fare la spesa: Cerci e Darmian. Certo, la cessione già avvenuta di Immobile non facilita un’operazione che per la Roma sarebbe molto onerosa. Di sicuro ad oggi Cerci va considerato in pole position rispetto a Iturbe. Anche perché l’attaccante granata continua a mandare messaggi d’amore alla Roma.