Arrestati due minorenni per l’omicidio di Cristian Sebastiano

I due ragazzini ingaggiati per ucciderlo da un 43enne. Il movente? Droga e debiti di poche centinaia di euro

Il 30 novembre scorso, dopo ore di interrogatorio, i Carabinieri del comando di Monza erano riusciti a trovare i responsabili dell’omicidio di un 42enne, ucciso a coltellate la mattina precedente sotto i portici delle case popolari di Via Fiume.

Sin da subito la situazione è apparsa molto chiara: vi era una terza persona coinvolta nell’assassinio, e si trattava di un mandante. I due ragazzini, insomma, erano stati ingaggiati e pagati per commettere un omicidio.

- Advertisement -

I Carabinieri hanno ascoltato numerose famiglie del quartiere San Rocco convocate in Caserma e in Procura. E così, giunti alla conclusione, il Gip del Tribunale di Monza ha emesso il provvedimento a carico di un 43enne italiano residente proprio nel quartiere San Rocco e con precedenti. L’uomo è stato individuato quale “concorrente morale, mandante, agevolatore, istigatore e rafforzatore del proposito omicida dei due ragazzi”. I due ragazzini hanno agito in cambio di denaro.

Il movente? Spaccio di droga (dalla marijuana alla cocaina spacciata nelle strade del quartiere) e debiti, di poche centinaia di euro, tra la vittima e il mandante.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.