Aumento carburante: dal 1 marzo sale il prezzo benzina di diesel e verde

CARBURANTE

Mentre il Governo Renzi si instaura al comando dell’Italia ecco che tornano i rincari delle tasse e l’aumento considerevole del carburante. La stangata da sabato 1° marzo 2014 scatterà con un nuovo aumento sulle accise che porterà il solito rincaro del prezzo al litro di benzina verde e diesel. Passa da 728,40 euro per mille litri a 730,80, con un aumento di 0,24 centesimi al litro, mentre quella sul gasolio, da 617,40 a 619,80 per mille litri (+0,24)  un aumento totale di 2,40 ogni mille litri di carburante. Purtroppo queste cifre per quanto appaino irrisorie a fine anno saranno un aggravio sulle spalle dei cittadini e delle famiglie.

Si calcola che gli aumenti medi annui saranno di 13 euro per le macchine a benzina e 17 per quelli a diesel. Mentre nel passato le macchine a diesel venivano scelte per il risparmio ora siamo qui a chiederci se ne sia valsa la pena. L’introito dello Stato con questa manovra sarà di oltre di 75 milioni di euro. Purtroppo ciò che danneggia le famiglie italiane, sono che negli ultimi 4 anni le accise sono aumentate di 10 volte e l’IVA di ben 2 volte, questo porta una spesa nelle famiglie pari a oltre 300 euro annue per la macchina.

Loading...

La Codacons afferma “Si tratta di una misura di politica economica vecchia che ci aspettiamo sia annullata dal governo Renzi. È ora di finirla di considerare gli automobilisti come polli da spennare e cominciare a tassare nel rispetto del criterio della capacità contributiva”“Sarebbe una bella novità se il nuovo governo attuasse finalmente un provvedimento promesso da oltre 10 anni, un meccanismo che sterilizzi l’aumento dei prezzi dei carburanti evitando che la doppia tassazione accise + Iva si traduca in una stangata eccessiva”.

Il segretario della Cgia Giuseppe Bortolussi afferma-Oltre alle famiglie, questi aumenti interesseranno le categorie che utilizzano professionalmente un mezzo di trasporto. Mi riferisco, in particolar modo, ai taxisti, agli autonoleggiatori, agli agenti di commercio e ai trasportatori. Voglio ricordare che l’80 per cento circa delle merci italiane viaggia su gomma, bisognerà vigilare affinchè i prezzi dei prodotti che giungeranno sugli scaffali di negozi e supermercati non subiscano degli aumenti ingiustificati»

Potrebbero interessarti anche

2 Commenti

  1. Se dovessimo trovare le scisti bituminose come in America,Il governo qualsiasi colore sia tasserebbe anche quelle!I governanti fanno finta di non capire che aumentare le tasse significa ralentare l’economia!!Basta siamo stufi!!!sarebbe meglio il re a questa manica di sciacalli dei politici.|! Ma il governo spende come gli stati Uniti e noi siamo solo 50 milioni dii persone!!inAmerica sono 250 milioni………….chi mangia se non i politici?tutti di qualsiasi colorerm essi siano!!!

  2. Condivido pienamente ciò che asserisci. Siamo stanchi di sentirci prigionieri nel nostro paese. Credo proprio che i politici continueranno solo a fare i loro interessi… mentre noi diventeremo sempre più poveri.. Aumentano tutto e il lavoro diminuisce.. anzi è inesistente… che faremo ? Difficile rispondere….

Comments are closed.