Aurora Leone: “Io, invitata a lasciare il tavolo perchè donna” intervento di Ramazzotti

Aurora Leone cacciata dalla cena della Nazionale Cantanti: "sei donna, non puoi stare qui". L'intervento di Ramazzotti: "Comportamento incauto dello staff, non siamo misogini"

Polemica per Gianluca Pecchini, direttore della Nazionale Cantanti, che avrebbe invitato Aurora Leone a lasciare il tavolo durante la cena poichè “riservato a soli uomini”.

A raccontarlo è stata Aurora stessa, insieme a Ciro, che si trovava proprio a quel tavolo insieme a lei. Aurora avrebbe ribattuto di aver già dato le misure per il completino e di essere stata convocata per scendere in campo, ma la risposta ricevuta è stata: “Ma tu il completino te lo puoi mettere pure in tribuna, che c’entra. Le donne non giocano. Queste sono le nostre regole e se non le volete rispettare dovete uscire da qua” e ancora “non farmi spiegare perché non puoi stare seduta qui, tu non puoi e basta”.

- Advertisement -

A quel punto sarebbe intervenuto Ciro e i toni si sarebbero scaldati, fino al punto che alla fine i due hanno abbandonato il ristorante.

Intanto, Eros Ramazzotti prende le distanze dall’accaduto: “Noi della NIC (Nazionale italiana cantanti) – scrive il cantante sul proprio profilo Instagram – non siamo stati coinvolti direttamente nella vicenda scaturita dal comportamento di due persone dello staff. Stavamo parlando tra di noi mentre cenavamo, abbiamo sentito delle voci alzarsi senza capire cosa stava succedendo. Io ho provato a recuperare la situazione – racconta ancora Ramazzotti – che era oramai precipitata. Domani mattina avremo un incontro con Aurora e Ciro per spiegare meglio la dinamica dell’avvenimento e scusarci pubblicamente dell’accaduto. Noi non siamo sessisti – ribadisce il cantante da sempre protagonista delle iniziative benefiche della NIC – e tantomeno razzisti o omofobi, anzi, ognuno fa qualcosa per chi ha bisogno (da anni e in tempi non sospetti) sinceramente per un comportamento incauto di due persone dello staff, non possiamo passare per quello che non siamo. W sempre la solidarietà – conclude Ramazzotti -, w le donne che sono parte fondamentale della nostra vita”.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.