Biella: Gabriele ucciso dagli amici e poi gettato in un cassonetto

Una terribile storia quella che arriva da Biella, comune di quarantamila abitanti e capoluogo dell’omonima provincia del Piemonte.

I fatti

Il corpo di Gabriele Maffeo, 33enne di Occhieppo Inferiore, è stato trovato la sera di sabato 30 settembre 2023 in un cassonetto dei rifiuti in via Coppa, nel quartiere Chiavazza a Biella, all’altezza del civico 29. Il medico legale intervenuto per le prime rilevazioni ha affermato che potrebbe essere stato colpito, poiché erano presenti molte tumefazioni al volto ed era coperto con una calza di nylon calata sulla testa, come se fosse un rapinatore. Per il momento, quattro suoi amici sono stati arrestati dalla squadra mobile della questura di Biella, ma la dinamica di questa terribile storia non è ancora chiara del tutto.

In passato Maffeo aveva avuto problemi legati alle dipendenze da sostanze stupefacenti ma, secondo quanto raccontato da una sua amica, aveva abbandonato la droga iniziando un percorso di riabilitazione e crescita personale.

Quattro le persone arrestate: un 42 enne, una 34 enne, un 32 enne, e il piu giovane di 24 anni. I quattro sarebbero stati visti da alcuni testimoni mentre erano intenti a scaricare il cadavere del povero Maffeo all’interno di un cassonetto. I quattro sono indiziati del delitto di omicidio in concorso e soppressione di cadavere e sono stati portati in carcere a Biella e Vercelli.

La procura di Biella ha disposto l’autopsia sul corpo del Maffeo a meno che i quattro sospettati non decidano di chiarire quanto è accaduto.

La Teens Baset, squadra di basket di Biella che milita nel campionato di Serie C e nella quale milita il fratello di Maffeo, ha chiesto e ottenuto il rinvio della partita di campionato.