Bill Cosby, il molestatore

ny mag

La cover del New York Magazine di oggi ritrae 35 donne.

Donne di ogni tipo :bianche, nere, giovani, anziane, bionde,ricce,magre o in sovrappeso, alcune persino riconoscibili poiché popolari e famose; sotto ad ognuna è riportata una data, anno nel quale hanno subito uno stupro.
Sono tutte vittime di Bill Cosby e delle sue molestie.
Il “signor Cliff Robinson” icona televisiva degli anni 80’ grazie all’ omonima sit-com, avrebbe abusato sessualmente e poi pagato per il silenzio delle tante ragazze che dopo anni hanno preso coraggio e denunciato l’accaduto.
Nel reportage del quindicinale statunitense, la testimonianza di 35 donne (qualcuna anche in video) che hanno messo la faccia in copertina, riportando dettagliatamente, le dinamiche delle aggressioni subite.

Loading...

La tecnica si rivela tremendamente sempre la medesima: Cosby una volta attirata l’attenzione della malcapitata (abusando della sua fama e spesso promettendo reclutamenti televisivi) mischiava e somministrava impietosamente alcool e droga (sedativi) per poi poter liberamente praticare atti sessuali.

Tra le più crude testimonianze quella di una sua amica di allora, la quale in preda ad un mal di testa, chiese una pastiglia a Cosby, vi lasciamo immaginare l’ epilogo.
Lasciano senza parole (tra i tanti) anche i racconti della modella Janice Dickinson e dell’ attrice Louisa Moritz.

Dati statistici parlano di 46 totali denunce, si attendono quindi altre 11 persone, e l’invito ad uscire allo scoperto per queste donne,( e per tutte coloro che vivono prigioniere degli abusi sessuali) , è graficamente rappresentato da una sedia vuota, accanto alle testimoni, molto suggestiva , sulla prima pagina.

anche sui social con l’hashtag #emptychair è in corso una campagna contro gli abusi ,ed una vera e propria guerra contro Cosby, il quale non si è ancora difeso; ma le tante testimonianze ed altri documenti, custoditi dai giudici (nei quali confessava di aver impartito sedativi alle sue vittime) lo condanneranno a pesantissime sanzioni