Brasile mondiali 2014: artista di strada dipinge un murales con un bambino che muore di fame e deve mangiare un pallone

paulo-ito-2014

BRASILE MONDIALI 2014

L’immagine di un bambino affamato con niente da mangiare, ma con un piatto contenente un pallone da calcio dei prossimi mondiali 2014 che saranno disputati in Brasile,  ha colpito gli utenti di facebook che hanno condiviso la foto più di 50.000 volte sul social network.

Loading...

Paulo Ito, un artista di strada, è l’autore del murales realizzato sul muro di una scuola a San Paolo il 10 maggio.

La città è stata al centro di ripetute proteste, talvolta violente per l’esagerata spesa di oltre 8 miliardi di euro, perpetrata dal governo brasiliano per la Coppa del Mondo, quando il denaro sarebbe stato necessario altrove.

Nessuno sta facendo nulla contro la povertà, perciò c’è bisogno di mostrare al mondo che la situazione non è ancora risolta. Si susseguono manifestazioni di piazza contro la povertà, la corruzione politica, i servizi pubblici sotto-finanziati e le deturpate infrastrutture urbane.

La Coppa del Mondo ha galvanizzato la stanchezza dei brasiliani, e di tutte quelle zone urbane sotto la soglia della povertà e delle differenzi sociali. I violenti scontri di protesta si continuano a verificare a San Paulo contro la polizia.

Migliaia di giovani provenienti da quartieri poveri hanno invaso i centri commerciali della classe media nei cosiddetti “rolezinhos”, scatenando una reazione pesante della polizia che ha tentato di impedire loro l’entrata.

Il malcontento continua, il governo sta progettando di lanciare una campagna pubblicitaria ”buonista” per convincere i locali dei grandi benefici che porterà la Coppa del Mondo. 

Ma la gente dei quartieri poveri, i disagiati, che stentano ad arrivare a fine serata con qualcosa nella pancia, reagiscono al malcontento e alle ingiustizie di uno Stato che li ha abbandonati.