Brianza, stupra per mesi una 51enne e la minaccia di mettere i video su internet

Subisce degli stupri, non denuncia per paura di finire vittima di revenge porn. Quando poi finalmente decide di denunciarlo, lui la minaccia di pubblicare i video e torna nel suo appartamento dove viene stuprata nuovamente

Ha subìto le violenze sessuali ripetute con acquiescenza del suo aguzzino, temendo di finire vittima di revenge porn. Così tornava ogni volta da lui per “comprare” il silenzio del suo stupratore.

È questa la terribile vicenda di una donna di 51 anni, che aveva trovato il coraggio di andare in ospedale dopo l’ennesima violenza e di denunciare tutto, ma poi ha avuto paura.

- Advertisement -

La donna aveva da poco iniziato la relazione con l’uomo, convinta di avere trovato un compagno. Poi però l’inizio dell’incubo: gli stupri, le violenze.

Nella casa del 46enne, i carabinieri hanno trovato corde, manette e collari erotici, oltre a farmaci narcotizzanti e medicinali utilizzati per sedare la vittima e abusarne sessualmente. Teneva poi una telecamera accesa a riprendere tutto.

- Advertisement -

Il 27 marzo, stordita e vittima e di un malore a causa dei farmaci che era stata costretta ad assumere, è riuscita a scappare dall’appartamento e a trascinarsi in cortile, chiedendo aiuto.

Lì è stata vista da alcuni passanti, che hanno chiamato il 118. Arrivata in ospedale, la donna ha raccontato tutta la vicenda, facendo scattare il “codice rosso”. Ha poi denunciato il 46enne.

- Advertisement -

Questi però l’aveva minacciata ancora di pubblicare in rete i filmati delle violenze, e così lei due giorni dopo si è ripresentata di nuovo nel suo appartamento per cercare di fermarlo, e ha subìto un nuovo stupro.

Salvata dalla chiamata del vicino del suo stupratore, insospettito dal fatto che avesse visto la donna rientrare nel suo appartamento.

Ora il 46enne è stato arrestato.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.