Brindisi: reintegrata la dottoressa che aveva pubblicato online una sua foto mentre cuciva un cadavere

E' stata reintegrata oggi dopo 6 mesi di sospensione Isabella Greco, la coordinatrice del reparto di anatomia patologica dell'ospedale di Brindisi

Sono trascorsi i sei mesi di sospensione inflitti dalla direzione dell’ospedale alla Dott.ssa Isabella Greco, responsabile del reparto di anatomia patologica dell’ospedale “Perrino” di Brindisi.

Ma i colleghi in servizio presso la medesima struttura sono indignati e dicono O lei, o noi. Questa la minaccia dunque dei professionisti che chiedono un trasferimento di massa, a meno che il Direttore Generale dell’ASL, Maurizio De Nuccio, non prenda un serio provvedimento in merito.

- Advertisement -

Come comunicato dall’ASL di Brindisi, medici ed infermieri stanno pressando molto i vertici affinché revochino questo reintegro allo svolgimento della professione da parte della Dott.ssa Greco. Infatti, la maggior parte del personale sanitario del Perrino considera oltraggioso quanto postato online sui social l’anno scorso dalla Greco.

“Ne va della reputazione e dell’integrità di tutti noi” ha dichiarato il portavoce dei professionisti che hanno contrapposto il reinserimento della Greco con il loro trasferimento di massa presso un’altra struttura.

- Advertisement -

Il motivo della sospensione di sei mesi è stata la pubblicazione online di una foto in cui si vedeva la Dott.ssa Greco intenta a cucire un cadavere durante un’autopsia. I fatti si sono svolti nel reparto di anatomia patologica da lei diretto. E, va detto, non si è trattato di una foto “rubata”, ossia fatta a insaputa del medico. Infatti, si poteva vedere benissimo che la donna guardava dritto alla camera.

Elisabetta Beretta
Elisabetta Beretta
Ho un diploma di Perito Aziendale e Corrispondente in lingue estere e un background da studio commercialista, dove ho lavorato per 27 anni in Italia occupandomi di dichiarazioni dei redditi, bilanci ed ero la responsabile finanziaria dello studio. Ma ho sempre amato scrivere. Nel 2021 ho cominciato a predisporre contenuti di vario genere come ghostwriter. Nel 2022 ho deciso di avere bisogno di un cambiamento radicale: mi sono licenziata e sono partita per l’Andalusia dove sono attualmente residente.