Calciomercato, la Juve spinge per Draxler, Inter su Jovetic

5388510667_17b950ae21_z

Il calciomercato si infiamma.

Scatenata la Juventus, dopo la cessione di Arturo Vidal al Bayern Monaco. La caccia al trequartista è apertissima: in pista non c’è più Mario Goetze, che Guardiola considera fuori dal mercato, ma è rimasto il belga Kevin De Bruyne del Wolfsburg: il club sassone ha chiesto 60 milioni. La Juve, pertanto, ha virato su Julian Draxler, nazionale tedesco, per cui lo Schalke 04 ha messo sul piatto 25 milioni: si potrebbe fare, anche se il ragazzo renano, 22 anni, ha chiesto 4 milioni netti d’ingaggio. Naturalmente, è pronta anche l’alternativa, ovvero Henrikh Mkhitaryan, armeno, 26 anni, del Borussia Dortmund. Dalla Ruhr hanno sparato la stessa cifra proposta dai vicini di Gelsenkirchen, 25 milioni.
La Juve, inoltre, sta lavorando a uno scambio di spagnoli: Llorente e 20 milioni verso il Real Madrid per Isco in bianconero. Per l’esterno sinistro è lotta tra Alex Sandro del Porto e Guilherme Siqueira, brasiliano, 29 anni, dell’Atletico Madrid, chiuso dal ritorno del connazionale Filipe Luis dal Chelsea.

Loading...

Sul fronte Inter è quasi fatta per Ivan Perisic. Il croato arriverà a Milano per 18 milioni, 14 dei quali verranno girati allo Schalke 04 per cedere lo svizzero Xherdan Shaqiri. Per l’attacco, l’altro nome di punta è Stevan Jovetic, il montenegrino ex Fiorentina, che arriverebbe in nerazzurro con un prestito con diritto di riscatto.

Il Napoli ha preso Allan, centrocampista brasiliano, dall’Udinese, in cambio di Britos in Friuli, sta pressando Astori del Cagliari (per lui pronti 5 milioni) e ha chiesto al Sassuolo il croato di 23 anni Sime Vrsaljko, anche se dovrà, per quest’ultimo, vedersela con la Juve.

Da ultimo, il Milan: la brutta notizia è che Axel Witsel, il belga dello Zenit San Pietroburgo, non vuole venire a Milano per vestire la maglia rossonera. Il motivo? Il Milan non fa la Champions League. Ormai, le milanesi sono squadre poco quotate, visto che, quest’anno, nemmeno l’Inter farà le Coppe.

Stefano Malvicini