Carabiniere ucciso sotto casa, il killer ‘mi sono vendicato’

carabiniere-ucciso

Questa mattina verso le 7,30 un carabiniere di 47 anni è stato freddato dal suo killer Roberto Vignozzi di 72 anni. L’assassino ha pronunciato queste parole durante l’interrogatorio in caserma“Ha rovinato la vita a me e ai miei figli, mi sono vendicato”.

E’ successo a Massa Carrara,  l’assassino, Roberto Vignozzi, dopo aver suonato al campanello della casa di via Monterosso, verso le 7,30, ha atteso l’arrivo del maresciallo Antonio Taibi. Il killer si è presentato come un musicista, quando il giovane maresciallo ha aperto il portone del palazzo si è trovato davanti l’anziano uomo che ha immediatamente esploso un solo colpo d’arma da fuoco ravvicinato uccidendolo

Loading...

Dopo aver sparato si è allontanato a piedi, è stato cercato dalle forze dell’ordine in tutta la città per un paio d’ore, finché non si è presentato spontaneamente dai carabinieri della procura.

Il killer è un ex postino di Carrara, Giuseppe Vignozzi di 72 anni. E’ stato subito interrogato dal magistrato. Avrebbe detto di essersi vendicato in seguito ai guai che i suoi figli avevano subito per colpa del maresciallo. Secondo le ipotesi degli inquirenti il militare ucciso, Antonio Taibi,  che dal 1996 al 2006 operava nel nucleo operativo, avrebbe indagato sui figli del killer per reati legati agli stupefacenti.

La vittima è il maresciallo Antonio Taibi di 47 anni in servizio nella provincia di Massa Carrara, sposato e padre di due figli di 21 e 16 anni.

Potrebbero interessarti anche