Champions, le misure di sicurezza previste per il ritorno Roma-Liverpool

40000 euro raccolti dagli ultrà della Roma per il tifoso dei Reds ferito negli scontri tra tifoserie lo scorso martedì.

Champions, le misure di sicurezza previste per il ritorno Roma-Liverpool. Ci si prepara a tre giorni di divieto di consumo alcolici nel centro di Roma e nella zona attorno allo stadio Olimpico.

Una delle misure di sicurezza più severe che dovrebbe essere attuata a Roma per la partita di ritorno della Champions League. Questa misura vieterebbe dal 1 al 3 maggio la vendita, trasporto e consumo di alcolici, e bevande con contenitore in vetro, per la strada. Potrebbe essere firmata già nella giornata odierna.

C’è paura a Roma per il match di rientro, sono attesi ben 5mila tifosi ospiti per mercoledì sera. Quasi mille ultrà tra questi, considerati quindi a rischio. Il programma di sicurezza punterà a tenere sotto controllo le tifoserie più violente. Questo per evitare eventuali vendette dopo i fatti accaduti a Liverpool martedì scorso. Attorno all’Olimpico verranno impiegati circa mille agenti delle forze dell’ordine.

I due tifosi della Roma che hanno aggredito un tifoso del Liverpool lo scorso martedì sono tenuti in isolamento. Lo comunica l’avvocato di Filippo Lombardi, 21 anni, e Daniele Sciusco, 29. Hanno deciso per l’isolamento come precauzione per evitare che i due italiani incontrino detenuti inglesi.

Resteranno in carcere sino a fine maggio, quando prenderanno parte al processo dove sono accusati di  “disordini violenti” (Sciusco), e in aggiunta “lesioni gravissime” per Lombardi. L’avvocato Lorenzo Contucci commenta così: “In queste ore i familiari si stanno organizzando per raggiungere l’Inghilterra per cercare di avere un colloquio con loro due”.

Solidarietà tra tifoserie

I tifosi hanno fatto gara di solidarietà per pagare le spese mediche a Sean Cox, il tifoso irlandese aggredito. Cox si trova al momento in coma farmacologico. In un solo giorno sono stati raggiunti 40mila euro sul sito Go Fund Me, per la raccolta fondi destinata a lui. Necessari alla sua famiglia per coprire i costi delle cure del tifoso 53enne irlandese, padre di tre figli. Tra i donatori oltre ai tifosi del Liverpool e quelli romanisti, anche i tifosi del Manchester United, storica rivale dei Reds.

I tifosi italiani, quasi duemila molti dei quali di fede giallorossa, hanno voluto accompagnare alle loro donazioni dei messaggi.

“Vi prego di accettare i miei soldi, sono un appassionato di sport, tifoso della Roma, da sempre ammiratore del Liverpool, profondamente sconcertato e disgustato dal comportamento di una minoranza di selvaggi che non meritano di rappresentarci”. 

“Sono un tifoso della Roma e condanno la violenza! Mi dispiace Sean per quanto successo, riprenditi presto”

“Sinceri auguri di pronta e piena guarigione per Sean Cox, i miei pensieri e le mie preghiere alla famiglia e ai suoi amici”

Intanto i due tifosi arrestati restano in carcere, l’inizio del processo è previsto per il 24 maggio. Fino a quella data i due italiani resteranno in detenzione a Liverpool.

 

Ramona Allegri
Articolista, scrittrice e blogger lifestyle e food, possiedo un blog di cucina Il Mondo di Ramy Food con le ricette da me ideate basate sulla cucina mediterranea, adoro l'arte in ogni sua forma. Ho pubblicato un libro di ricette "ricette low-cost per famiglie in crisi" e sto lavorando ad un romanzo attualmente.
Potrebbero interessarti anche