Come pulire la moka? Trucchi per una caffettiera perfetta e gli errori da evitare

Oggetto cult e anche molto utilizzato in ogni casa la Moka necessita di una pulizia ordinaria e quotidiana ma anche straordinaria: ecco come realizzarla

Nonostante le macchine da caffè elettroniche sempre più in auge nelle case degli italiani, la Moka non ha perso il suo posto d’onore nelle tante famiglie che ancora oggi non possono rinunciare all’aroma e ad un caffè fatto in modo tradizionale e che fa parte degli usi e costumi del popolo italiano.

E se da nord a sud il modo d’utilizzare la moka può variare la cosa certa è che una moka esiste in ogni casa. L’utilizzo della moka è quotidiano e questo comporta anche la necessità di pulirla in modo attento e accurato per evitare la formazione di germi e batteri.

- Advertisement -

Inventata più di 100 anni fa e oggi oggetto cult made in Italy la moka può essere pulita anche senza utilizzare sostanze chimiche. Residui di sostanze e formazioni di calcare possono essere tolti seguendo delle apposite accortezze che daranno alla moka una maggiore conservazione.

Come pulire la moka i trucchi

Per pulire la parte esterna oltre che utilizzare acqua corrente e asciugarla bene dopo ogni utilizzo è possibile occasionalmente pulirla con acqua e aceto, limone e un pizzico di bicarbonato: la moka tornerà lucida e come nuova.

- Advertisement -

Anche il filtro va pulito con acqua corrente ogni volta che si utilizza, poi per la manutenzione straordinaria è opportuno lasciarlo a mollo in acqua bollente e succo di limone per circa 30 minuti. In seguito con degli stuzzicadenti e molta pazienza è necessario forare ogni buco per eliminare eventuali residui. Infine sia il serbatoio che la guarnizione possono essere puliti con acqua e aceto e in seguito bisogna fare un caffè a vuoto per igienizzare i pezzi.

Pulire la moka: tutti i pezzi a mollo una volta al mese

La pulizia straordinaria della moka prevede infine di mettere almeno una volta al mese tutti i pezzi della moka a mollo in acqua bollente e aceto per almeno 30 minuti, dopo occorre asciugare bene ogni elemento. La procedura indicata donerà alla moka lucentezza e garantirà una pulizia necessaria per eliminare eventuali residui e evitare formazioni di muffe.

- Advertisement -

Molto importante alla fine della pulizia effettuare un caffè vuoto che consiste nell’inserire dell’acqua senza la miscela in tal modo si eliminerà non solo l’eventuale odore d’aceto ma si effettuerà la disinfestazione finale dell’apparecchio.

Consiglio

Stai per partire per un lungo periodo? Un ottimo trucco per evitare che si accumuli al suo interno cattivi odori, è inserire nel serbatoio due zollette di zucchero, o due cucchiaini di caffè che assorbiranno ogni odore. 

Gli errori da non fare mai con la moka

Mai pulire la moka con saponi o detersivi, questo errore lascerà nella caffettiera un orribile retrogusto.

Mai riporre la caffettiera bagnata nella credenza, dovrà essere sempre ben asciutta. L’umidità può creare muffe, quindi asciugatela e lasciatela smontata.

Non stringere troppo la parte superiore quando si riempe di caffè, questo errore comporterà un’usura rapida della guarnizione. Se vedete che la guarnizione è usurata cambiatela.

Non lasciate il caffè dentro la caffettiera, nè quello da bere nè la posima nel filtro perché potrebbe ammuffire.