Decessi in Italia nel 2020, quando i numeri non tornano

Il numero di decessi in Italia nel 2020 è stato spropositato a causa del Covid, ecco alcune considerazioni su quello che l'Italia sta vivendo

Alcune settimane fa l’Istat ha pubblicato i dati 2020 sui decessi in Italia, Il Corriere in un dossier dedicato ne analizza attentamente i numeri riscontrando che su 85.624 morti dichiarate solo 55.576 sono per il virus, ci sono circa 30 mila decessi in più di cui bisogna definirne le cause.

Sicuramente è un dettaglio importante ma rimane che la pandemia ha creato nel nostro paese un preoccupante squilibrio di numeri considerando che c’è stata anche una forte diminuzione della natalità e dei matrimoni.

- Advertisement -

Decessi e decessi per Covid: alcuni dati sugli ultimi anni

Il momento peggiore per numero di decessi si registra tra marzo e novembre, il confronto di questo periodo va fatto con le medie dei cinque anni precedenti, ed è proprio quello che hanno fatto sia l’Istat che il Ministero della Sanità.

Solo nove mesi di pandemia hanno portato a 85.624 morti, numero che senza il Covid sarebbe stato ancora più ridotto. L’Italia è una paese che conta un gran numero di anziani ma Il Corriere fa notare come analizzando i numeri forniti solo i due terzi di questi decessi conteggiati si spiegano con il Covid-19.

- Advertisement -

Ciò vuol dire che su 85.624 morti totali, che è un numero importante, solo 55.576 morti sono dovuti al nuovo coronavirus in un periodo comunque ristretto, da marzo fino alla fine di novembre.

Numeri provinciali e regionali

In numeri percentuali, la mortalità dello scorso anno in Italia è salita del 19% rispetto agli anni precedenti. Le provincie che hanno registrato più decessi sono stati Bergamo con l’86% in più, Cremona con il 76%, Lodi con il 62%, Brescia con il 57% e Milano con il 41%. Ricordiamo che la Lombardia è la regione che continua ad essere segnata in rosso. Le provincie che hanno sofferto meno l’aumento di decessi per colpa del Covid sono state Cagliari, Caltanissetta e Rieti, seguono Agrigento, Messina, Reggio Calabria, Vibo Valentia, Matera, Chieti, Salerno, Benevento, Viterbo e Siena.

- Advertisement -

Ricordiamo che soltanto ieri i decessi registrati di Covid in Italia sono 603, con una media giornaliera di 477. Lo scorso anno, nell’ultimo mese a dicembre, in una giornata si sono registrati anche 814 morti con una media di sette giorni salita a 739. Questi sono proprio decessi dovuti al Covid che contati ad altre patologie gravi che portano alla morte altri pazienti aprono una prospettiva per il 2021 ancora molto grave e triste.

Iole Di Cristofalo
Iole Di Cristofalo
Articolista e web copywriter