Donna di 35 anni perde la vita durante il parto

Non è stato possibile salvarla, sulle cause del decesso indagano gli inquirenti.

Ancona – una donna di origine tunisina di 35 anni madre di due figlie, ha perso la propria vita durante un parto d’urgenza, praticato per la rimozione del feto morto. 

La donna era ricoverata presso la struttura pediatrica Salesi di Ancona, purtroppo gli ultimi controlli avevano rilevato che il feto in grembo alla trentacinquenne era deceduto, per questo è stato necessario praticare il parto per asportare il bambino privo di vita. 

- Advertisement -

Le complicazioni della gravidanza

Nelle precedenti gravidanze la donna non ha avuto nessuna complicazione.La gravidanza era quasi giunta al compimento, ma le condizioni sembrano essere peggiorate improvvisamente.  In quest’ultima trance il piccolo cuore del feto ha smesso di battere per cause ancora ignote. A causa dell’evento drammatico, i dottori e i ginecologi avevano preparato la sala da parto per poter agire e praticare un parto d’urgenza al fine di rimuovere il feto deceduto dal ventre della donna.

I medici le hanno indotto il parto attraverso tecniche farmacologiche per stimolare le contrazioni, purtroppo la situazione della trentacinquenne si è velocemente aggravata e per lei non c’è stato nulla da fare.  È stata una vera e propria doppia tragedia, prima la morte della piccola e poi della madre.

- Advertisement -

Evento improvviso, indagini in corso

Andrea Ciavattini, il primario del reparto di Ginecologia, ha affermato stamattina: “Un evento imprevedibile e inevitabile, accaduto all’improvviso senza che fosse possibile intervenire“. 

Il primario ha messo in evidenza come sia necessario l’intervento della magistratura per capire definitivamente le cause di questo evento drammatico. Infatti le dinamiche dell’accaduto sono ancora incerte.

- Advertisement -

La procura della regione ha attualmente aperto una duplice inchiesta per comprendere cosa sia accaduto. L’azienda ospedaliera anch’essa ha avviato un’indagine interna per comprendere se vi siano stati errori evitabili. È fondamentale comprendere sia perché il cuore del feto abbia smesso di battere sia le cause del decesso della donna trentacinquenne. 

Leggi anche: Napoli: evade dal carcere di Poggio Reale, ricercato 32enne polacco