E’ morta Ester Arzuffi la madre di Massimo Bossetti.

Si è spenta in ospedale a Bergamo la madre del presunto killer di Yara Gambirasio la tredicenne scomparsa a Brembate il 26 novembre 2010 e ritrovata cadavere qualche mese dopo.

E’ morta a 71 anni la madre del presunto killer di Yara Gambirasio, la tredicenne di Brembate di Sopra scomparsa nel novembre 2010 e ritrovata cadavere qualche mese dopo. Un tumore scoperto venti giorni fa ha spento per sempre i suoi occhi blu, blu come quel cielo in cui Yara ora si trova gridando giustizia. Una vita piena di segreti portati alla ribalta in un caso giudiziario che ha commosso l’Italia intera e che riguarda la morte di una ragazzina di tredici anni. Ester Arzuffi, ha sfidato le leggi della genetica difendendo suo figlio, Massimo, dalle accuse di omicidio e ribadendo che è figlio di suo marito Giovanni scomparso nel Natale 2005 e non di Giuseppe Guerinoni, l’autista di Gorno che lei incontrava spesso quando era ancora giovane. Il DNA trovato sugli indumenti di Yara dicono che Massimo Bossetti è figlio di Giuseppe Guerinoni.

Un legame indissolubile quello tra madre e figlio. Lui si proclama innocente, lei gli crede. Nei giorni scorsi era riuscito ad avere dei permessi per farle visita, si abbracciano, lei gli dice addio. Lui ritorna in cella dove dovrà scontare la pena massima. Se n’è andata minata nel fisico portando con sé i segreti e i misteri di una vicenda ancora non pienamente risolta. I legali chiederanno che il figlio possa presenziare alle esequie della madre che avranno luogo domani in forma strettamente privata.

Loading...
Roby Contarino
Scrittore, poeta, autore di canzoni, blogger, social media manager. Gestisce un blog personale "Ad esempio a me piace scrivere". Collabora oltre che con Quotidian Post anche con CalcioNow, Spynews e Supernews. Ha pubblicato tre romanzi (Un amore, un destino; Come dentro una Bottiglia; All'ombra dell'ultimo sole". A dicembre uscirà il suo nuovo romanzo "Il Pianista e la bambina: vita sopra le righe".
Potrebbero interessarti anche