Fedez parla del tumore al pancreas e della pace con J-AX

Dopo qualche settimana dall'operazione Fedez è tornato a parlare del tumore al pancreas e ha rivelato di aver fatto pace con .J. Ax

Fedez non manca mai di sorprendere i fans con le sue dichiarazioni inaspettate. Il rapper, diretto e sincero, ha sempre evitato speculazioni sulla sua vita privata è anche per questo che ha preferito denunciare personalmente qualsiasi cosa che lo riguarda evitando il gossip.

Nei giorni scorsi Fedez ha rivelato di aver fatto pace con il suo amico e collega J-Ax: i due dopo una lunga collaborazione si sono allontanati per divergenze professionali. Oggi si sono nuovamente ritrovati e hanno indetto una conferenza stampa a Palazzo Reale dove non solo hanno confermato di essersi ritrovati dopo la malattia del rapper, ma che hanno intenzione di organizzare un grande concerto gratuito, “LOVE MI”, in Piazza Duomo a Milano.

- Advertisement -

L’annuncio ha colto tutti di sorpresa ma ha allietato anche i tanti fans che da tempo desideravano rivedere i due insieme. Sul palco ci saranno molti altri artisti pronti a condividere e sostenere l’iniziativa dei due cantanti. L’evento avrà anche uno scopo benefico: è a favore della fondazione TOG, Together To Go. J-AX e Fedez hanno superato le incomprensioni e a quanto pare hanno deciso di tornare a fare musica insieme.

Fedez: “Il mio tumore? Come quello di Steve Jobs”

Fedez ha condiviso sui social anche i risultati dell’esame istologico del tumore che gli hanno asportato nei mesi scorsi. Il cantante ha premesso che il suo cancro è molto raro, come quello di Steve Jobs ma di una classificazione diversa per questo si ritiene molto fortunato: “Mi ritengo parecchio fortunato. È arrivato l’esame istologico. Il tumore era molto raro, è quello di Steve Jobs, la fortuna è che non ha una classificazione in cancerogeno benigno ma in G1, G2 e G3. Il mio era G1, il che vuol dire tanto culo….

- Advertisement -

Il rapper ha poi spiegato perchè non avrà bisogno di fare la chemioterapia: “Non ha preso i linfonodi e non avevo micro metastasi, per cui non ho dovuto fare chemioterapia. Al 90% posso dire che va tutto bene. È come se vedessi il mondo a colori.” Ha poi concluso: “È stata un’operazione importante sono stati rimossi duodeno, cistifellea, pancreas e un pezzo di intestino ma sto facendo attività fisica e mi ritengo molto molto fortunato.”

Regali per stupire i bambini: esperienze che alimentano la curiosità e...

Quando si pensa a regali per i bambini, si è soliti considerare oggetti materiali, spesso dimenticando l'inestimabile valore delle esperienze che, oltre a stupire,...