Fedez vs Codacons: “Non ho mai avuto paura delle querele…”

Fedez risponde diretto al Codacons che lo ha invitato a chiedere scusa per le dichiarazioni offensive rilasciate nei giorni scorsi

Fedez
Photcredit Fedez Instagram

Non si placa la polemica tra il Codacons e Fedez in merito alla trasparenza dei fondi raccolti dal rapper e la moglie Chiara Ferragni a sostegno dell’emergenza Coronavirus che ha sconvolto la regione Lombardia e tutta l’Italia.

Come sappiamo Fedez e consorte hanno sfruttato la loro popolarità mediatica per raccogliere fondi a favore della creazione di un nuovo reparto di terapia intensiva, raccolta che ha avuto un successo immediato e che è stata effettuata tramite la piattaforma Gofundme.

Il Codacons ha messo in dubbio la trasparenza di questa piattaforma e non la legittimità delle buone intenzioni dei due vip, per verificare la certezza delle azione l’organismo avrebbe intenzione di bloccare tutte le donazioni provocando un vero e proprio problema. Il tutto ha innervosito Fedez che non ha mancato d’avere una sua reazione criticata dallo stesso Codacons che oggi ha chiesto al rapper delle scuse pubbliche pena una querela.

Fedez risponde al Codacons: “Le vie legali? Non mi intimoriscono”

Fedez ha ricevuto questa mattina una Pec dal Codacons dove viene invitato a chiedere scusa per le sue dichiarazioni, il rapper ovviamente non teme le vie legali ne tanto meno le querele e tramite Instagram ha risposto all’organismo ben consapevole delle conseguenze delle sue azioni espresse via social:

Caro Codacons, quando non avevo 1 euro in tasca non avevo paura di quelli che mi querelavano. Figurati adesso che c’ho qualche soldino in più in tasca! In più in una causa che ho fatto a una persona che mi ha diffamato più volte su internet, il PM ha sostenuto che internet non è un mezzo diffamatorio! Si può dire il c….o che si vuole! Quindi vorrei aggiungere a tutto quello che ho detto in precedenza, caro Codacons, che potete andare a fare in c….o!