Femminicidio Treviso: il colpevole minacciava la vittima tramite messaggi

L'imprenditore kosovaro e la vittima avrebbero avuto una relazione

“Ti rovino la vita, mi dispiace per tuo figlio, vammi a fare denuncia”. Questo è uno dei messaggi che il presunto omicida di Treviso avrebbe inviato alla vittima con la quale aveva intrattenuto una relazione poi troncata dalla donna.

Secondo quanto emerge dall’ordinanza del GIP, l’uomo mostrava segni di gelosia e possessività verso la vittima e le chiedeva di aggiornarlo su tutti i suoi spostamenti, fino ad arrivare a richieste sempre più stringenti di abbandonare la casa coniugale con annesse minacce. Gli inquirenti parlano di “comportamenti assillanti, minacciosi e perfino violenti”.

- Advertisement -

Secondo il GIP la situazione si era ulteriormente aggravata a luglio, quando l’imprenditore kosovaro aveva minacciato la vittima di diffondere video e immagini che li ritraevano in atteggiamenti intimi, queste minacce erano culminate con l’invio di un video compromettente al compagno della vittima.

Secondo gli investigatori l’uomo avrebbe organizzato l’omicidio nei minimi dettagli, scegliendo il momento adatto, aggirando la telecamera di sicurezza che riprende l’area dell’ingresso, predisponendo gli strumenti necessari per compiere l’insano gesto, cioè il martello per sfondare la porta e il coltello come arma del delitto.

- Advertisement -

Inoltre gli inquirenti hanno scoperto che l’uomo, nei giorni precedenti all’omicidio, aveva attivato una nuova SIM telefonica e aveva rinnovato il passoporto, tutti indizi che fanno pensare a una premeditazione.

Highlights marzo 2024 Boomerang

BATWHEELS – STUNT “CHIAMIAMOLE BATWHEELS”Tutti i giorni alle 18.05.Prosegue su Boomerang (canale 609 di Sky) un imperdibile appuntamento dedicato ai mitici veicoli di Batwheels.Tutti...