Finiscono all’asta vini e champagne dell’hotel Rigopiano

Sono state messe all’asta alcune bottiglie di vino e di champagne di proprietà dell’Hotel Rigopiano Distrutto dopo la valanga

È scoppiata una vera e propria polemica dopo la scoperto di un’asta sulle bottiglie di vino e champagne recuperate dall’hotel Rigopiano. 

Sul sito ufficiale delle Aste Giudiziarie è possibile acquistare le bottiglie di vino e champagne recuperate dalla cantina dell’hotel distrutto nella valanga. Alcune bottiglie sono state battute al prezzo di 1800€. 

L’hotel Rigopiano è tristemente noto a causa della valanga che nel 2017 lo colpì in pieno uccidendo ben 29 persone. Le povere vittime erano sia dipendenti che clienti della struttura. 

L’indignazione delle famiglie delle vittime 

A rendere noto la vendita agli incanti pubblici delle suddette bottiglie è stato l’avvocato Romolo Reboa, insieme agli altri legali delle vittime Gabriele Germano, Massimo Reboa, Silvia Rodaro, Maurizio Sangermano e Roberta Verginelli. 

L’avv Romolo Reboa ha precisato che è stato il curatore fallimentare a mettere in vendita tali beni apparenti all’Hotel. Ancora non è noto il nome di chi si è aggiudicato tali bottiglie tristemente famose. 

L’avvocato sottolinea come sia davvero poco gradevole per i suoi assistiti venire a conoscenza dell’asta che ha per oggetto le bottiglie provenienti dal luogo dove i propri cari hanno perso la vita. 

La replica del curatore fallimentare 

Sergio Iannucci, curatore fallimentare, ha precisato però che non è possibile inquadrare la questione in questi termini.  I beni che sono stati venduti ai pubblici incanti erano di proprietà della struttura, essendo essa debitrice nella procedura concorsuale era necessario recuperare quanti più soldi possibili dal suo asse patrimoniale.

Dunque è sicuramente poco piacevole la situazione, agli occhi dei familiari delle vittime, purtroppo però tale manovra è stata necessaria. Il curatore fallimentare inoltre sottolinea che non c’è nessun collegamento tra i beni in questione e i familiari delle vittime

Il fallimento è totalmente estraneo alla vicenda che ha colpito l’Hotel e questi sembrano essere esclusivamente commenti di natura speculativa. 

leggi anche: Donna accoltellata a bordo di un treno per gelosia