Francavilla, palloncini bianchi e chiesa gremita per l’ultimo saluto a Marina e Ludovica

La sorella di Fausto Filippone presente alle esequie

Occhi gonfi di dolore e palloncini bianchi per dare l’estremo commiato a Marina Angrilli e alla piccola Ludovica, nella Chiesa di “Cristo Re”, a Pescara. Madre e figlia unite da un tragico destino. La tragedia di domenica scorsa ha scosso tutta la comunità di Pescara.
“Marina e Ludovica sono state rapite dal male, dal nemico. Nemico che purtroppo continua a rapire nella morte le persone che amiamo e a cui vogliamo bene. Dobbiamo puntare il dito contro il male, contro la morte. Solo se abbiamo questo coraggio, saremo capaci di guardare al di là di queste bare, al di sopra di queste bare”, ha recitato il vescovo di Pescara, Tommaso Valentinetti, durante l’omelia.
“Ciao Ludo primizia di vita, ciao Ludo fiore tra i fiori, ciao Ludo ali di farfalla, ciao Ludo bambina speciale tra bambini speciali. Ciao Ludo, la vita parla di te”, con la voce rotta dal dolore, la maestra Mara, insegnante della piccola Ludovica, ha salutato la sua giovane alunna.
La sorella di Fausto Filippone, profondamente segnata dall’accaduto, si è stretta in un caloroso abbraccio con i familiari di Marina.

Potrebbero interessarti anche