La Delfa: ‘non abbiamo bisogno di etichette, solo di diritti!’

fam arc OK

Domenica scorsa si è svolta a Salerno la “Festa delle famiglie”, una coloratissima manifestazione promossa da “Famiglie Arcobaleno” a cui hanno partecipato non solo le famiglie composte da genitori omosessuali, ma anche quelle con genitori eterosessuali.
Tutti insieme, genitori e bambini, per giocare, confrontarsi e sfilare sul lungomare a suon di musica per urlare al mondo che “è l’amore che crea una famiglia”.

«Come diceva mia nonna: i figli sono di chi li cresce!» ha dichiarato Vladimir Luxuria, madrina dell’evento che è stato appoggiato anche da alcuni esponenti politici tra cui il sindaco F.F. di Salerno Vincenzo Napoli.

All’indomani della manifestazione Giuseppina La Delfa, sul suo profilo Facebook, ringrazia tutti coloro che hanno reso possibile un evento atteso da mesi e si firma così: Giuseppina La Delfa, orgogliosa presidente dell’associazione Famiglie Arcobaleno.

Loading...

L’orgogliosa presidente di Famiglie Arcobaleno poi, poche ore più tardi, sembra aver già dimenticato l’allegria della festa e torna a combattere a suon di post:

«le nostre famiglie NON SONO GAY e nemmeno OMOSESSUALI! – scrive La Delfa – le nostre famiglie sono famiglie SENZA TUTELE E SENZA DIRITTI E SENZA DOVERI! e se qualcuno è omosessuale sono i GENITORI a esserlo e non le famiglie! non sopporto più queste espressioni! una famiglia è una famiglia, punto! e non esistono nemmeno le famiglie ETEROSESSUALI! ci sono un sacco di famiglie con genitori etero in cui tutti i figli sono omosessuali! come la mettiamo? diciamo correttamente “una famiglia in cui i genitori sono gay o le mamme sono lesbiche o una famiglia omogenitoriale”, se proprio vogliamo mettere l’accento sull’orientamento sessuale dei genitori. Ma se dicessimo “famiglie senza tutele”, forse qualcuno comincerebbe a pensare seriamente che è di questo che abbaimo bisogno e non di etichette!»

Quelle che il prof. Francesco D’Agostino ha chiamato “famiglie sintetiche” per distinguerle dalle “famiglie naturali” dunque non si arrendono e, con l’appoggio di queste ultime, oggi, dopo la festa del 3 Maggio, sono meno sole.

Nata a Pescara nel 1983, Chiara si laurea in “Letteratura, Musica e Spettacolo” a Roma nel 2007. La laurea magistrale in “Letteratura e lingua. Studi italiani ed europei” arriva nel 2009, anno in cui ha le prime esperienze come educatrice. Attualmente è impegnata, tra le altre cose, nell'ambito dell'insegnamento dell'italiano a studenti stranieri.