La vera storia di Peter Pan

Peter Pan la vera storia del personaggio e dell'autore.

Peter Pan viene spesso raffigurato mentre suona un flauto o pan.

Peter Pan è un personaggio universalmente conosciuto, creato dallo scrittore scozzese James Matthew Barrie. Era il 1902. L’immagine che abbiamo dell’eterno bambino è molto lontana dalla sua natura originale, quella che Barrie racconta. La Disney ne fa un racconto positivo da offrire ai bambini e si snatura completamente il vero personaggio.

La nascita di Peter

Era il 1898 quando J.M. Barrie incontra per la prima volta, nei giardini di Kensington,i figli di Arthur e Sylvia Davies. I ragazzi furono da subito conquistati dai modi bizzarri dello scrittore, che agli occhi di un bambino risultava certamente fuori da ogni schema. Per i piccoli Davies, Barrie era una figura brillante, creatore di mondi fantastici popolati da pirati e sirene, naufraghi e isole deserte. Nei lunghi pomeriggi passati a fantasticare, pian piano nasce la storia di Peter Pan. Peter compare nell’opera “Peter Pan nei giardini di Kensington” pubblicata nel 1906.

La vera storia di Peter

Peter Pan nasce come un uccellino donato alla madre da parte di re Salomone, ovvero il sovrano che vive nei giardini di Kensignton. Egli è sempre disposto ad esaudire i desideri di maternità delle donne che lo pregano. Re Salomone dona loro degli uccellini, i quali, si trasformano successivamente in bambini. La natura ribelle e particolare di Peter Pan si manifesta immediatamente: una volta donato a sua madre, Peter vola via, incuriosito dal mondo, e fa ritorno ai giardini. A questo punto però, si rende conto di essere una creatura a metà, non è un uccello, ma neanche ancora un bambino. Si pente allora della scelta fatta e decide di tornare a casa. Purtroppo, trova la finestra di casa chiusa e sarà costretto a restare per sempre nei giardini, in una sorta di limbo tra finzione e realtà.

Il significato vero dell’opera

Peter ha, in realtà, una personalità triste e problematica: vive le conseguenze tragiche delle sue stesse scelte e camuffa la tristezza con un’euforia effimera. Mantiene le caratteristiche negative dell’infanzia, come il profondo egoismo. Peter ha inoltre una moralità ambigua, che si nutre di fantasia, fiabe e dice tutto quello che gli passa per la testa. Spesso reagisce con aggressività rappresentando proprio l’archetipo dell’infantilismo. In un passaggio dell’opera, nel quinto capitolo, Barrie scrive: “Tutti erano assetati di sangue ed i bambini non facevano eccezione, ma quella notte erano fuori solo per dare il bentornato al proprio capitano. Il numero dei bambini sull’isola non è costante, varia a seconda di quanti ne vengono uccisi. E quando sembra che il loro numero cresca troppo, cosa che è contro le regole, Peter interviene per ridurlo.  “Crescere troppo” fa riferimento all’ età, essendo contro le regole crescere, Peter ne sfoltisce il numero (and when they seem to be growing up, which is against the rules, Peter thins them out). Peter è problematico, si allontana da chi gli dimostra affetto e esclude qualsiasi legame profondo.
Nel corso della storia dimentica continuamente il nome dei suoi compagni (nel lunghissimo volo con Wendy, Gianni e Michele verso l’isola, Peter dimentica continuamente chi siano).

Vive le sue avventure più per un torna conto personale di divertimento e ricerca di evasione che per un reale interesse alla vita dei bambini in pericolo. Barrie chiarisce continuamente, nell’opera la conflittualità tra le responsabilità della vita adulta e l’innocenza infantile, conflittualità che tormenta lo stesso autore.

Barrie dichiarò:
«Il terrore della mia infanzia era la consapevolezza che sarebbe venuto un tempo in cui anche io avrei dovuto rinunciare ai giochi e non sapevo come avrei fatto (questo tormento mi ritorna ancora nei sogni quando mi scopro a giocare a palline di vetri e mi giudico con severa riprovazione); sento che devo continuare a giocare in segreto”.
Peter sceglie di vivere in una realtà dionisiaca solo sua e che contempla solo ed unicamente i suoi interessi. E’ una figura estremamente negativa e straziante, dalla psicologia molto complessa, legata sicuramente alla vita di James Barrie caratterizzata da terribili vicende personali durante l’infanzia.

Peter/ Barrie

James Matthew Barrie nato in Scozia, ultimo di 10 figli. Giornalista fallito, poi scrittore di successo. Barrie crea il suo alter ego in Peter, essendo lo stesso Barrie incapace di accettare l’essere adulto, non riesce ad accettarlo neanche quando nel 1894 sposa l’attrice teatrale Mary Ansell infatti ne divorzierà senza che le nozze siano consumate. Barrie mantenne anche fisicamente delle caratteristiche infantili essendo basso (un metro e mezzo) gracile e di apparenza giovanile.
Quando James Barrie guardò per la prima volta la statua del suo Peter nei giardini Kensington dirà: “Non vi traspare il demone che è in Peter”. 

Potrebbero interessarti anche