L’origine del “pesce d’Aprile”

pesce-aprile

La nota tradizione del “pesce d’aprile”, che ricorre annualmente il primo giorno del mese, non sembra avere un’origine ben precisa. Secondo le varie teorie, l’usanza potrebbe essere collegata al fatto che nel calendario pagano, il 1 aprile si festeggiasse la festa di capodanno, accompagnata da scambi di regali.  Con la riforma di Papa Gregorio XIII nel 1582, e la conseguente adozione del calendario Gregoriano nel 1582, la festività retrocesse al 1º gennaio; la teoria più accreditata sostiene che, ciò nonostante, in Francia fosse rimasta l’usanza di farsi dei regali, proprio come prima dello spostamento della ricorrenza. E così i francesi, per un certo periodo dopo il 1564, data in cui Re Carlo abolì ufficialmente il Capodanno di aprile, per il primo aprile tennero l’abitudine di regalarsi dei pacchi vuoti.

La data del pesce d’aprile coincide inoltre con il giorno della morte di Gesù, che secondo il calendario Gregoriano avvenne appunto il 1º aprile del ’33. I persecutori del cristianesimo potrebbero aver adottato questa data per burlarsi dei cristiani che credevano in Gesù. Ciò spiegherebbe anche l’adozione della simbologia ittica, essendo segno emblematico degli antichi cristiani proprio il pesce, il cui nome in greco formava l’acrostico per “Gesù Cristo, Figlio di Dio Salvatore”.

Loading...

Una seconda possibilità vorrebbe che la scelta del termine “pesce” sia proprio in occasione di uno dei primi scherzi: per sbeffeggiare alcuni pescatori, alcuni ragazzi francesi gettarono in acqua delle aringhe affumicate gridando “Eccovi i Pesci”. Altra proposta è quella che il pesce d’aprile fosse già in origine il pesce di carta attaccato goliardicamente sulla schiena di ignari passanti.

Ma il primo pesce d’aprile, in realtà, sembrerebbe avere origini molto più antiche, addirittura ai tempi di Cleopatra. Stando alla leggenda, infatti, la Regina d’Egitto fu la prima ad organizzare uno scherzo a base di pesce, ai danni dell’amato Marco Antonio: invitata dall’imperatore romano a pescare sulle rive del Nilo, Cleopatra non si sarebbe presentata all’appuntamento, mandando, al contrario, un alligatore finto fatto di pelli.

Da allora tantissimi sono stati gli scherzi divertenti del pesce d’aprile, che hanno visto coinvolti spesso e volentieri grandi aziende e famose testate giornalistiche, alcuni dei quali si sono rivelati paradossalmente una bufala anticipatrice di qualcosa che si sarebbe poi verificato. Degno di menzione è quello, d’ambito tecnologico, organizzato verso la fine degli anni ’80 da una televisione britannica che in una trasmissione per ragazzi presentò uno speciale tipo di walkman, in grado di contenere centinaia di canzoni grazie ad un microchip, il Chippy, evidente gioco di parole e richiamo alle famose fish and chips, care agli inglesi. Una decina d’anni dopo fu ideato un oggetto ormai di uso comune: il lettore Mp3.

Di seguito, alcuni tra i più noti e spassosi scherzi:

Alberi degli spaghetti: la TV pubblica inglese BBC fece nel 1957 un reportage riguardante la raccolta degli spaghetti in Svizzera. Ci furono spettatori che volevano comprarne. Ancora la BBC, nel 1965, fece un reportage su un test riguardante una nuova tecnologia che permette di trasmettere odori tramite le onde dell’aria. Diversi spettatori contattarono l’emittente per poter partecipare ai test.

San Serriffe: nel 1977 il quotidiano The Guardian pubblicò un supplemento riguardante questa isola inesistente (con allusione a “sans-serif”, un tipo di carattere usato dalle tipografie).

1997. Enrico Bombieri, Medaglia Fields 1974, spedisce un’e-mail alla comunità scientifica di tutto il mondo nella quale annuncia la dimostrazione dell’Ipotesi di Riemann da parte di un giovane matematico.

1998. Il giornalista Franco Zanetti pubblica su rockol.it un articolo in cui annuncia l’uscita dell’ultimo album di Lucio Battisti, “L’Asola” (si legga “la sòla”, che in dialetto romano sta per “burla”).

Berlusconi: si era diffusa una sua intervista su Telelombardia nella quale l’ex premier era pronto a chiamare come ministri Massimo Cacciari e Mario Monti in caso di pareggio alle elezioni del 2008. Successivamente la tv locale smentisce, ma l’effetto in campagna elettorale è stato forte.

La BBC preannuncia un documentario su una nuova razza di pinguini volanti (peccato che l’autore del documentario sia un ex membro del gruppo umoristico Monty Python)

Google diffuse la notizia su un nuovo tipo di collegamento a Internet gratuito che consisteva nell’acquistare (senza peraltro inserire alcun link a una eventuale pagina d’acquisto) un kit comprensivo di un modem e di un cavo che andava inserito nel WC di casa. In questo modo il modem avrebbe ricevuto le onde necessarie al funzionamento di Internet.

Google presenta il progetto CADIE (Cognitive Autoheuristic Distributed-Intelligence Entity) che nella notte ha permesso ad un Panda di creare una pagina web personale. Tutto rigorosamente confermato da link a pagine tecniche in inglese.

Nonciclopedia: la nota parodia di Wikipedia ogni anno organizza qualcosa. Per esempio nel 2007, come fece un anno prima la sua controparte seria, finse una chiusura del sito da parte della Polizia Postale, mentre nel 2009 la pagina principale è stata resa identica a quella di Wikipedia, con tanto di link dirottati, creando non poca confusione tra gli utenti delle due enciclopedie.

TG2: 2009 il noto telegiornale, nell’edizione delle ore 13, conferma un’indiscrezione, rivelatasi falsa, che vorrebbe il calciatore Antonio Cassano, della Sampdoria, convocato in nazionale per la partita di quella sera, Italia-Irlanda, finita 1-1. La notizia viene arricchita da un’infondata intervista telefonica all’imitatore Butinar e da un avvistamento del calciatore all’aeroporto di Bari.

Il 1º aprile 2010 il sito Total Film pubblica la notizia che i film tratti dal libro Lo Hobbit saranno girati in 4D, ovvero accompagnati da stimoli sensoriali come odori e spruzzi d’acqua durante la proiezione in sala, oltre all’effetto tridimensionale, per una full immersion totale. In Italia la notizia viene riportata come vera il 9 aprile dall’ANSA e da vari blog cinematografici e testate giornalistiche.

Nel 2012 Google presenta Google Maps per NES, con un video su YouTube che ne mostra le caratteristiche e una demo accessibile dal pulsante Quest in alto a destra di Google Maps.

Sempre nel 2012, la filiale inglese di Peugeot annuncia il lancio di una versione speciale della sua RCZ capace di cambiare colore secondo le emozioni del guidatore.

Nel 2013 Google presenta Google Nose (Google Olezzo in Italia), un sistema che permette di sentire gli odori da ogni parte del mondo, annusando il display del proprio dispositivo. Google presenta anche altri simpatici servizi come la caccia al tesoro su Google Maps, o la possibilità di personalizzare la propria abitazione con Google Street View, o la versione blu di Gmail, chiamata Gmail Blue.

Nel 2014 Il sito Hugelol cambia il proprio nome in “ALL HAIL NICOLAS CAGE”, dopodiché comincia a inserire dozzine di foto che raffigurano l’attore, mentre nello sfondo comincia a suonare a ripetizione una canzone il cui testo sono tutte le migliori citazioni dello stesso Nicolas Cage. Per finire, la sezione del sito contenente tutti i post nuovi pubblicati dagli utenti viene rinominato in “CAGE”.

CONDIVIDI
Loading...
  • Eleonora Corti

    Come ogni anno non mancano gli scherzi sulla rete, Google in pole position: digitando com.google, si accede alla pagina del motore di ricerca “rovesciata”, completamente capovolta, ma perfettamente funzionante!