Mercato Milan, ora si punta su Romagnoli

18651521339_808746aaf3_z

Il mercato del Milan si è sbloccato con la cessione di El Shaarawy.

I rossoneri avevano già acquistato Bacca e Luiz Adriano, ma i 16 milioni che il Monaco ha sborsato per il Faraone (prestito con obbligo di riscatto) sono manna dal cielo per una campagna acquisti che, altrimenti, avrebbe rischiato ancora un tocco fallimentare. Ora si potrà puntare anche su Zlatan Ibrahimovic, infatti. Ma non solo.

Loading...

Un’altra cessione importante, nei giorni scorsi, quella di Adil Rami al Siviglia (vicinissimo anche a Ciro Immobile), aveva garantito un po’ di liquidità, ma l’addio doloroso di un giocatore, come l’italo-egiziano, su cui c’erano grandissime aspettative, porterà nelle casse milaniste ulteriori introiti per acquistare nuovi giocatori. L’attacco al servizio di mister Sinisa Mihajlovic è al completo (e forse in eccesso), mentre difesa e centrocampo arrancano: una costante in questo Milan, che, da anni, investe su attaccanti spesso imbarazzanti e non sempre utili, senza pensare a una difesa composta da veterani (Mexes, per esempio, fresco di rinnovo) e a un centrocampo assente. Come primo obiettivo, l’allenatore serbo ha individuato Alessio Romagnoli, difensore, talento dell’Under 21 che, lo scorso anno, alla Sampdoria, con lui, ha fatto molto bene. Sfumato Daniele Baselli, passato al Torino, il ventenne romano è il primo della lista rossonera. L’assalto alla Roma (era a Genova in prestito), che detiene il suo cartellino, è partito. Con un solo problema: dopo un campionato da autentica rivelazione, i giallorossi, ora, lo ritengono incedibile, ma con un contratto da “soli” 400.000 euro: per ora, Pallotta non ha ancora parlato di rinnovo e ha sparato un prezzo da 30 milioni, mentre la proposta di Galliani è un accordo a 1 milione e mezzo a stagione per portarlo a Milano. Il ragazzo ci sta pensando, ma la Roma non ne vuole sapere.

Centrocampo e attacco, per ora, passano in secondo piano: per la zona mediana, Galliani sta seguendo sia il belga Axel Witsel, 26 anni, dello Zenit San Pietroburgo, che il tedesco di origine turca Ilkay Gundogan, 24 anni,  del Borussia Dortmund. In attacco, il nome di punta è sempre Ibra: l’attaccante svedese, deluso dall’esperienza al Paris Saint-Germain, tornerebbe volentieri in rossonero, e Galliani tiene monitorata la sua situazione con l’agente Raiola.

Stefano Malvicini