Migranti, 8 morti nel barcone e un neonato gettato in mare

Il neonato era morto di freddo tra le braccia della madre

Quando la Guardia Costiera ha soccorso nella notte tra giovedì 2 e venerdì 3 febbraio un barcone di sei metri partito da Sfax (Tunisia) pieno di migranti diretto a Lampedusa non sapeva cosa avrebbe trovato nello scafo. Oltre ai 46 migranti salvati, sul barcone c’erano anche 8 cadaveri stipati in un angolo. Tre di essi erano di donne, di cui una incinta.

Il salvataggio è avvenuto in acque Sar maltesi. Il trabiccolo stava affondando quando sono arrivati i soccorritori.

- Advertisement -

Una volta tratti in salvo, i migranti hanno spiegato che con loro c’era anche un neonato di 4 mesi, che è morto di freddo durante la traversata. La madre, accortasi che il bambino non respirava più lo ha gettato in mare. Un gesto estremo condannato da quasi tutti i migranti. Un uomo si sarebbe gettato per recuperare il corpo del piccolo, ma sarebbe morto tra le onde gelide delle acque Sar Maltesi. Dopo qualche ora, è deceduta anche la madre, sfinita.

Qualche ora prima erano stati soccorsi dalla motovedette della capitaneria di Porto e della Guardia di finanza altri due barconi con 75 persone a bordo. Tra le 37 persone della prima imbarcazione c’erano 14 donne, una delle quali incinta, e un minorenne. I migranti provenivano dal Camerun, Costa d’Avorio, Ghana, Guinea e Senegal.

- Advertisement -

Filippo Mannino, il sindaco di Lampedusa, ha rivolto un appello al governo esortandolo a non lasciarlo da solo a gestire “questa immane tragedia”.

Al via Taobuk 2024

Si alza il sipario su Taobuk - Taormina International Book Festival, il festival internazionale ideato e diretto da Antonella Ferrara. Fino al 24 giugno, Taobuk porterà a Taormina...