Milano: 21 misure cautelari per violenze a detenuti del carcere minorile Cesare Beccaria

L'istituto penale minorile Cesare Beccaria di Milano è risultato lo scenario di diversi episodi di violenza da parte del personale penitenziario nei confronti di alcuni detenuti

Stamattina un’ordinanza di custodia cautelare in carcere ha raggiunto 13 agenti penitenziari del ‘Cesare Beccaria’ di Milano, mentre per altri 8 è stata disposta la sospensione dell’esercizio di pubblici uffici.

Le accuse contro di loro sono ripetuti maltrattamenti e concorso in tortura. E’ emerso anche un episodio di tentata violenza sessuale ai danni di un giovane detenuto.

- Advertisement -

Le indagini, che hanno portato alla luce fatti verificatosi a partire dal 2022 e reiterati nel tempo, sono partite a seguito di alcune segnalazioni dell’autorità giudiziaria attraverso il Garante dei detenuti. Le intercettazioni e le riprese video delle varie telecamere di sorveglianza hanno consentito di comprovare quanto denunciato da alcuni e identificare tutti gli agenti coinvolti, se pur con responsabilità diverse.

Le vittime sono i detenuti dell’istituto penale Cesare Beccaria di Milano, pertanto tutti minorenni. Il Gip ha dichiarato che le accuse verso i poliziotti sono ulteriormente aggravate dall‘abuso di potere e dai futili motivi.

- Advertisement -

Il segretario generale del Sindacato di Polizia di Stato, Aldo Di Giacomo, sottolinea che il procedimento si trova ancora nelle fasi preliminari e che fino alla sua conclusione vige la presunzione di innocenza per i colleghi. Allo stesso tempo però riconosce che, se accertati, trattandosi di fatti gravissimi oltretutto a danno di minorenni, i colpevoli dovranno essere adeguatamente puniti.

Elisabetta Beretta
Elisabetta Beretta
Ho un diploma di Perito Aziendale e Corrispondente in lingue estere e un background da studio commercialista, dove ho lavorato per 27 anni in Italia occupandomi di dichiarazioni dei redditi, bilanci ed ero la responsabile finanziaria dello studio. Ma ho sempre amato scrivere. Nel 2021 ho cominciato a predisporre contenuti di vario genere come ghostwriter. Nel 2022 ho deciso di avere bisogno di un cambiamento radicale: mi sono licenziata e sono partita per l’Andalusia dove sono attualmente residente.