Milano: arrestato un uomo per apologia della Shoah

Un italiano di origini egiziane si è reso protagonista di un'attività di propaganda razzista e istigazione all'odio razziale e religioso. E' stato arrestato oggi.

E’ un 29enne italiano ma di origine egiziane e residente a Milano l’uomo che è stato arrestato dagli agenti della Digos di Milano.

Le accuse sono propaganda e istigazione a delinquere finalizzate all’odio razziale e religioso. Con l’aggravio dell’apologia della Shoah.

- Advertisement -

L’uomo dallo scorso 7 ottobre aveva cominciato a diffondere online messaggi di matrice antisemita e dimostrando sostegno alle azioni compiute da Hamas. Il 29enne in questi messaggi dichiarava di essere pronto ad intraprendere il jihad e combattere, anche al martirio se necessario. Uno dei testi trovati in chat dagli agenti diceva chiaramente “Dio benedica i combattenti di Hamas, i guerrieri più coraggiosi del pianeta”.

Il suo profilo social, inoltre, era pieno di immagini e video che lo mostravano in allenamento fisico a scopo bellico.

- Advertisement -

Gli agenti della Digos hanno trovato anche le innumerevoli ricerche fatte dall’uomo nel web a proposito di voli disponibili per raggiungere le località di guerra del Medio Oriente.

Nel corso delle indagini che sono sfociate con l‘arresto di questo individuo, le forze dell’ordine hanno eseguito anche quattro decreti di perquisizione locale e personale nei confronti del padre dell’arrestato e di altre tre persone che si sono fatte notare per aver caldamente sostenuto e incitato le esternazioni fatte dal 29enne egiziano online.

- Advertisement -

Tra questi soggetti uno era già noto alle forze dell’ordine in virtù della sua vicinanza con gli ambienti della estrema destra del Milanese. La perquisizione in questo caso è avvenuta in Svizzera per mano della polizia italiana congiuntamente con la Procura Federale di Berna.

Elisabetta Beretta
Elisabetta Beretta
Ho un diploma di Perito Aziendale e Corrispondente in lingue estere e un background da studio commercialista, dove ho lavorato per 27 anni in Italia occupandomi di dichiarazioni dei redditi, bilanci ed ero la responsabile finanziaria dello studio. Ma ho sempre amato scrivere. Nel 2021 ho cominciato a predisporre contenuti di vario genere come ghostwriter. Nel 2022 ho deciso di avere bisogno di un cambiamento radicale: mi sono licenziata e sono partita per l’Andalusia dove sono attualmente residente.