Milano: ragazzo ucciso a colpi di pistola per strada

Un 18enne è stato freddato a colpi di pistola la notte scorsa a Milano, zona Ortomercato

Dalla ricostruzione dei fatti, risulta che la vittima, Jhonny Sulejmanovic, un ragazzo di origine slava 18 anni, si trovava a bordo di un furgone quando è stato avvicinato da alcuni uomini che hanno poi aperto il fuoco sparandogli al torace.

I fatti si sono verificati intorno alle 3:00 di stamattina a Milano, zona Ortomercato.

- Advertisement -

Il 18enne stava dormendo all’interno del furgone in compagnia della moglie Samantha che ha chiamato i soccorsi.

Gli operatori del 118 hanno trasportato urgentemente il ragazzo all’ospedale Policlinico di Milano, purtroppo però non hanno potuto salvargli la vita. Jhonny Sulejmanovic è deceduto in ospedale.

- Advertisement -

Anche sua moglie è stata portata al Policlinico e non è ferita, però sotto shock per l’accaduto.

La donna ha raccontato agli operatori sanitari e alle forze dell’ordine che si è svegliata per il rumore di vetri rotti, infatti, gli assalitori armati hanno rotto il finestrino, come per accertarsi che ci fosse qualcuno all’interno, e poi hanno aperto il fuoco.

- Advertisement -

Nei pressi dell’Ortomercato di Milano ci sono diversi furgoni e caravan che fungono da domicilio per diversi nomadi. Anche per i famigliari della vittima, infatti, sul posto dell’aggressione sono accorse diverse persone che stazionano lì durante la notte. Tra queste, anche il fratello di Jhonny che ha dichiarato di avere sentito due colpi di pistola ma nessun urlo. In effetti, il raid degli uomini che hanno sparato a Jhonny è stato rapidissimo.

Il consigliere comunale Francesco Rocca ha lamentato il degrado dilagante che investe ormai da anni il triangolo via Varsavia, via Monte Cimone e Piazzale Cuoco tra accampamenti notturni di nomadi e venditori abusivi di merce di dubbia provenienza.

Elisabetta Beretta
Elisabetta Beretta
Ho un diploma di Perito Aziendale e Corrispondente in lingue estere e un background da studio commercialista, dove ho lavorato per 27 anni in Italia occupandomi di dichiarazioni dei redditi, bilanci ed ero la responsabile finanziaria dello studio. Ma ho sempre amato scrivere. Nel 2021 ho cominciato a predisporre contenuti di vario genere come ghostwriter. Nel 2022 ho deciso di avere bisogno di un cambiamento radicale: mi sono licenziata e sono partita per l’Andalusia dove sono attualmente residente.