Ministro Valditara: “Basta scuole chiuse in festività non riconosciute a livello nazionale”

Si è espresso così il Ministro Giuseppe Valditara per spegnere le polemiche (ed evitare di creare un increscioso precedente) riferendosi all'episodio della scuola di Pioltello (Milano) che aveva annunciato di chiudere le porte nel giorno di conclusione del ramadan

Il Ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara, è stato netto: “Stiamo lavorando al provvedimento che è in fase conclusiva. D’ora in poi non sarà più possibile chiudere una scuola in occasione di una festività non riconosciuta dallo Stato“.

Con questo provvedimento in fase conclusiva il Governo vuole mettere la parola fine alle innumerevoli polemiche sollevate dall’episodio della scuola di Pioltello nel Milanese che aveva chiuso l’istituto, e quindi sospeso le lezioni, in occasione della giornata conclusiva del ramadan.

- Advertisement -

Il fatto aveva scatenato le ire dei genitori degli studenti e anche diversi insegnanti si erano dimostrati contrari a una simile decisione.

La decisione del Preside dell’istituto scolastico, oltre che inadeguata, era stata pesantemente criticata anche per lo scarso preavviso di questo giorno di chiusura per ragioni pratiche organizzative. Sono piovuta centinaia di comunicazioni da parte di genitori e insegnanti. Quello che non è piaciuto affatto era stata proprio la motivazione di fondo, cioè che in questo modo passasse il messaggio di “giorno di festa per la fine del ramadan”, come se quest’ultimo fosse intrinseco della nostra cultura e religione.

- Advertisement -

La capogruppo dei Verdi, Luana Zanella, ha criticato Valditara affermando che questo provvedimento fomento le differenze e le divisioni, mentre si dovrebbe puntare al contrario soprattutto in ambito scolastico.

Elisabetta Beretta
Elisabetta Beretta
Ho un diploma di Perito Aziendale e Corrispondente in lingue estere e un background da studio commercialista, dove ho lavorato per 27 anni in Italia occupandomi di dichiarazioni dei redditi, bilanci ed ero la responsabile finanziaria dello studio. Ma ho sempre amato scrivere. Nel 2021 ho cominciato a predisporre contenuti di vario genere come ghostwriter. Nel 2022 ho deciso di avere bisogno di un cambiamento radicale: mi sono licenziata e sono partita per l’Andalusia dove sono attualmente residente.