Monza: due sorelle sono state arrestate per truffa aggravata

Truffa da un milione di euro ai danni di parenti e amici

Due sorelle di 55 e 59 anni di Monza sono state arrestate stamani dalla Guardia di Finanza con l’accusa di ricettazione favoreggiamento e truffa aggravata, (la prima in carcere, la seconda ai domiciliari). Le due donne truffavano parenti e amici e convincevano i familiari specialmente quelli in età avanzata a fare investimenti vantaggiosi riservati ai dipendenti delle Poste dove una delle sorelle lavorava come dipendente. Investimenti che in realtà non esistevano.

Con questo metodo le due sorelle hanno accumulato più di un milione di euro che poi spendevano nel gioco d’azzardo. E a chi chiedeva chiarimenti sui ritardi nei pagamenti delle percentuali la 59enne saldava gli anticipi utilizzando soldi truffati da altri parenti e amici.

Le indagini sono partite nell’autunno del 2016, a denunciare le sorelle è stata una coppia di pensionati che nel 2014 ha sottoscritto un investimento “vantaggioso” di circa 165 mila euro. Il figlio della coppia insospettito ha notato alcune anomalie nelle modalità di gestione dell’investimento (come la stipula dei contratti presso l’abitazione dei clienti e la consegna di soldi in contanti) ed è cosi andato in Posta per avere chiarimenti sull’operazione, ed ha scoperto la truffa e ha fatto scattare l’indagine.

Loading...

I Finanzieri hanno scoperto numerosi altri casi di truffa con le stesse modalità, ai danni di oltre 40 persone sue conoscenti (parenti, amici, vicini di casa e clienti abituali).