Nipote uccide zio 50enne in provincia di Sondrio

I fatti risalgono a ieri quando il giovane ha accoltellato alla gola lo zio 50enne, a quanto risulta, durante una violenta lite

E’ notizia di oggi che ieri in località Piano a Poggiridenti, un piccolo comune valtellinese in provincia di Sondrio, si è consumata questa ennesima tragedia familiare.

Paesino tranquillo, siamo in una villetta immersa nel verde tra via Masoni e via Lozzoni. All’interno dell’abitazione, però, si accende una discussione che si trasforma in una lite violenta tra zio e nipote che culmina con l’accoltellamento da parte del nipote dello zio 50enne, Davide Conforto.

- Advertisement -

Il colpo infertogli dal nipote è fatale, infatti lo colpisce alla gola. Per Davide Conforto non c’è nulla da fare, muore nel giro di pochi secondi.

I soccorsi, probabilmente chiamati dai vicini che hanno udito le grida della discussione tra i due, una volta giunti nella villetta di Piano hanno tentato di rianimare l’uomo ma hanno dovuto desistere constatando che la ferita al collo era profonda, aveva già perso molto sangue. Quel taglio al collo non gli ha lasciato scampo. Gli operatori del 118 non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del 50enne.

- Advertisement -

Sul luogo della tragedia sono arrivati anche i Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Sondrio che hanno provveduto a fermare il giovane nipote e a portarlo in caserma per l’interrogatorio da parte del magistrato.

Nel frattempo, alla villetta scena del crimine sono stati messi i sigilli, infatti, è sotto sequestro delle forze dell’ordine che dovranno effettuare i rilievi necessari per ricostruire la dinamica dei fatti, confrontarla con le dichiarazioni che rilascerà il nipote-omicida al magistrato. Non è nota al momento quale sia stata la causa scatenante di una simile lite tra i due, tanto da far afferrare un coltello al giovane e scagliarsi sul collo dello zio. Ciò che dovranno stabilire la perizia e l’interrogatorio al nipote è se quest’ultimo aveva intenzione o meno di uccidere lo zio.

Elisabetta Beretta
Elisabetta Beretta
Ho un diploma di Perito Aziendale e Corrispondente in lingue estere e un background da studio commercialista, dove ho lavorato per 27 anni in Italia occupandomi di dichiarazioni dei redditi, bilanci ed ero la responsabile finanziaria dello studio. Ma ho sempre amato scrivere. Nel 2021 ho cominciato a predisporre contenuti di vario genere come ghostwriter. Nel 2022 ho deciso di avere bisogno di un cambiamento radicale: mi sono licenziata e sono partita per l’Andalusia dove sono attualmente residente.