No Diet Day: oggi si dice no alla dittatura delle diete

 

Sono passati 23 anni dal primo “International No Diet Day” e c’è ancora tanta strada da fare per dire no alle diete fatte senza alcun criterio e soprattutto ai rischi che possono portare.

Ad avere l’idea di istituire questa giornata di stop alle diete è stata Mary Evans Young, fondatrice dell’associazione Diet Breakers e ex anoressica.

Lo scopo dell'”International No Diet Day” è quello di incoraggiare le persone ad accettarsi e a liberarsi dall’ossessione per il peso e la taglia. “Ho deciso di passare all’azione – racconta in uno dei suoi libri Mary Evans Young- dopo aver saputo che una ragazza di 15 anni si era suicidata dopo essere stata presa in giro perché grassa”.

Loading...

Non solo, l'”International No Diet Day” vuole ricordare al mondo che uno stile di vita sano ed equilibrato non rende necessario ricorrere alle diete che spesso si rivelano deludenti o, nella peggiore delle ipotesi, dannose.

Come adottare uno stile di vita sano ed equilibrato? I consigli degli esperti sono tanti ma forse basta vivere “cum grano salis”!

Nata a Pescara nel 1983, Chiara si laurea in “Letteratura, Musica e Spettacolo” a Roma nel 2007. La laurea magistrale in “Letteratura e lingua. Studi italiani ed europei” arriva nel 2009, anno in cui ha le prime esperienze come educatrice. Attualmente è impegnata, tra le altre cose, nell'ambito dell'insegnamento dell'italiano a studenti stranieri.