Padre Pio : a 50 anni dalla sua scomparsa

    23 settembre 2018 : il 50esimo anniversario della scomparsa di Padre Pio

    Un aspetto essenziale del sacro ministero era visibile nella vita di Padre Pio e l’offerta del Sacerdote che fa di se stesso in Cristo e con Cristo come vittima di espiazione e di riparazione per i peccati degli uomini  Tutta la sua vita ed il suo apostolato si sono svolti sotto lo sguardo materno della Madonna e con la potenza della sua intercessione e la Casa Sollievo della Sofferenza egli la considerava opera di Maria per la salute di tutti i malati— San Pio ha combattuto il male per tutta la vita e l’ha combattuto sapientemente con l’umiltà con l’ubbidienza con la croce offrendo il dolore per amore..” queste e tante altre le testimonianze sulla vita di Padre Pio nella puntata del 22 settembre del programma Sulla Via di Damasco.

    Oggi 23 settembre 2018 ricorre il 50esimo anniversario della scomparsa di Padre Pio.

    Un Santo che ha riempito di speranza chiunque gli fosse accanto. Coloro che avevano avuto la fortuna di conoscerlo, di certo arricchivano il proprio credo spirituale. “Un povero frate che prega” pieno di rispetto per la chiesa e per la preghiera. In effetti la sua raccomandazione ai fedeli era di pregare con fede recitando il rosario poiché “é la migliore arma che abbiamo e la chiave per aprire il cuore di Dio”.  Con il suo dono dell’ubiquità si rendeva visibile in due posti contemporaneamente. Il tanto citato fenomeno della bilocazione.

    Ma Padre Pio, dal 2002 San Pio, é ricordato anche per la sua proverbiale simpatia. Da buon campano aveva sempre la battuta pronta. C’è un aneddoto molto simpatico che ne ricorda questa peculiarità. 

    Una donna soffriva di forti emicranie, tanto da sperare nell’aiuto di Padre Pio mettendo la sua foto sotto al cuscino. Passarono giorni e settimane, ma il dolore era sempre persistente e la donna d’impulso esclamò: «D’accordo, Padre Pio: visto che non mi hai voluto liberare da questo malanno, per punizione ti metto sotto al materasso». Dopo qualche mese la donna si recò a San Giovanni Rotondo per confessarsi dal frate. Come di rito s’inginocchia al confessionale e il frate la guardò. Un attimo dopo le sbattè dinnanzi lo sportello del confessionale richiudendolo con un colpo netto. La donna rimase stupita a seguito di quella reazione ma non disse nulla. Più tardi, Padre Pio riaprì lo sportello e rivolto verso la donna sorridendo disse: «Non ti è piaciuto, vero? Eh, neanche io ho apprezzato di essere messo sotto al materasso!». Il 23 settembre 1968 Padre Pio lasciò questa dimensione terrena per raggiungere il Signore. In seguito proprio Papa Wojtyla lo proclamerà Santo. Nel momento della dipartita di Padre Pio,  le stimmate che gli causavano sofferenza sparirono. Ma ancora oggi c’è qualcuno che dice di sentire il suo profumo. Di avvertirne la sua presenza. In effetti lo stesso Santo promise di “aspettare dinnanzi alle porte del paradiso l’arrivo di tutti i suoi fedeli sino all’ultimo prima di entrarvi”. 

    Potrebbero interessarti anche