Paola Enogu: “Siamo uguali oltre le apprarenze”

La pallavolista italiana parla di amore e diversità, e lo fa in maniera semplice ed efficace

Nel suo monologo andato in onda durante la 3a serata di Sanremo, Paola Enogu ha parlato di razzismo e diversità.

Paola Enogu: cos’ha detto nel suo discorso?

La pallavolista Paola Enogu, invitata da Amadeus come co-conduttrice, si è lanciata in un monologo come chi l’ha preceduta. La Enogu ha parlato di diversità e unicità. “Prendete dei bicchieri di vari colori e metteteci dentro l’acqua”, ha detto la Enogu. “Vedrete che la maggior parte delle persone sceglierà quello trasparente, perché ha il contenuto più limpido”. La pallavolista sottolinea così che oltre le apparenze siamo tutti uguali. Quella di ieri è stata forse la partita più importante che la Enogu ha giocato: dinanzi alle telecamere e a milioni di italiani. Lei, che gioca in attacco, ha forse segnato con le sue parole un punto decisivo.

Amo l’Italia

- Advertisement -

Dal discorso della Enogu emerge anche l’orgoglio di sportiva e di membro della nazionale italiana. Emerge una donna che non ci sta a interpretare la parte della vittima. Ed emerge infine una mentalità vincente, che sa ricavare lezioni utili dalle sconfitte e trasformarle in vittorie personali e collettive. Il messaggio della Enogu è da non sottovalutare. La pallavolista lo esprime con semplicità, ma dietro le parole ci sono importanti lezioni che possono risultare utili a chiunque.