Piero Chiambretti dopo il Coronavirus l’addio alla tv?

Piero Chiambretti ha dichiarato a La Stampa di non aver per il momento progetti per il futuro, non sa se tornerà in tv deve ancora decidere con Mediaset

Piero Chiambretti
Photocredit Piero Chiambretti Instagram

Molto provato dopo gli ultimi mesi Piero Chiambretti ha rilasciato un’interessante intervista al La Stampa, la prima dopo aver combattuto contro il Coronavirus che ha contagiato lui e la madre morta dopo alcuni giorni dalla diagnosi.

Il conduttore si dice molto cambiato, il suo modo di dare importanza alla quotidianità e alla vita in generale è oggi diverso e questo lo ha indotto a fare delle valutazioni personali ma anche professionali alternative. Chiambretti non sa se il prossimo anno tornerà in tv, ha tanti progetti e desidera realizzarli tuttI soprattutto perchè ha rischiato di morire a causa del Covid-19.

Non amo rendere pubblico quello che è privato. Dietro quelle due settimane in ospedale ci sono la malattia, la morte di mia madre, il senso della vita che è cambiato, il ripensamento delle mie scelte professionali”. Piero Chiambretti ha anche rivelato d’aver rifiutato l’offerta della Mondadori che gli ha chiesto di scrivere un libro su questa brutta vicenda: non lo ha ritenuto opportuno.

Piero Chiambretti: “Non so se tornerò in tv, voglia di qualcosa di nuovo”

Piero Chiamebretti conserva la sua posizione a Mediaset che ha lasciato in sospeso, almeno per il momento, i suoi programmi. A La Stampa Chiambretti ha detto che non sa cosa succederà il prossimo anno, non ha ancora deciso se tornare in tv: “

Non so se tornerò in tv, e non ho ancora definito con Mediaset i programmi per la prossima stagione. Vorrei che l’anno nuovo portasse vita nuova. Mi piacerebbe fare qualcosa che non ho mai fatto prima, di diverso. Un programma in prima serata in cui i bambini si sostituiscono agli adulti.