Platini boccia la moviola in campo

Michel_Platini_in_Moscow_2

Il presidente dell’UEFA Michel Platini ha ribadito nei giorni scorsi quello che è il suo pensiero sull’introduzione della moviola in campo. Intervenuto in merito al match di campionato tra Juventus e Roma, il francese si è scagliato ancora una volta contro l’introduzione della tecnologia nel mondo del calcio, dicendo che non sarebbe una cosa positiva per il calcio perchè l’interruzione continua del gioco spezzerebbe il ritmo delle partite, andando a compromettere la fluidità e la bellezza del gioco. “Della moviola in campo penso tutto il male possibile: sarebbe un disastro,” dice il Presidente UEFA, in carica dal 2007. ”Non penso sia una cosa bella fermare il gioco ogni minuto per vedere se c’è fuorigioco o fallo, rigore o angolo. Tutto questo romperebbe la fluidità del gioco. Tuttavia, si tratta di decisioni dell’International Board, né di Tavecchio, né mie. Ma spero per il bene del calcio che non ci si arrivi mai”.

L’ex giocatore della Juve, come detto in precedenza, è intervenuto in merito al controverso e discusso incontro al vertice del campionato italiano giustificando le polemiche con queste parole “sono sempre le stesse storie, chi vince è perché è favorito dall’arbitro”. Le parole di Platini si scontrano quindi con quelle del presidente della FIFA Joseph Blatter, che dopo anni ha mostrato un’apertura verso l’utilizzo della moviola in campo per le decisioni arbitrali più difficili. L’introduzione della tecnologia nel mondo dello sport continua quindi a dividersi tra coloro che ritengono che il calcio debba seguire le orme di altri sport, come per esempio il tennis, il basket e il rugby dove viene utilizzata da diversi anni con successo, ed altri che la ritengono dannosa per il il mantenimento di un flusso di gioco adeguato a garantire un livello elevato di spettacolo.

Loading...
Potrebbero interessarti anche