Ponte Morandi: altri cinque viadotti a rischio

La guardia di Finanza ha effettuato nuove perquisizioni e sequestri

Si allarga l’inchiesta sul ponte Morandi ci sarebbero altri cinque viadotti a rischio tra Genova, Pescara, Bari e altre due città che non sono state svelate.

Nuove perquisizioni e sequestri

Dopo il blitz della scorsa settimana le fiamme gialle hanno effettuato nuove perquisizioni e sequestri nelle sedi di Autostrade Spea e negli uffici dell’Utsa – l’Ufficio tecnico sicurezza autostradale e nelle città di Milano, Bologna, Firenze e Bari.

Le perquisizioni sono scattate dopo che i  21 indagati e i testimoni dal 14 agosto scorso hanno raccontato ai due pm Massimo Terrile e Walter Cotugno titolari dell’inchiesta le criticità dei viadotti. Le ispezioni effettuate nei giorni scorsi hanno evidenziato ammaloramenti in piloni e solette. I viadotti a rischio si trovano su una bretella di collegamento tra la Milano-Genova e lo svincolo autostradale di Genova-Sampierdarena, a Pescara, Bari e in altre due città che al momento non sono note.

L’8 febbraio la data per la demolizione

Intanto l’8 febbraio è stata fissata la data per la demolizione del moncone Ovest del Morandi. Lo ha riferito il sindaco Bucci ha spiegato “Non credo che ci saranno problemi per adesso è confermato” Penso che l’ultima parte demolita sarà a fine maggio, primi di giugno ma la ricostruzione partirà prima, il 31 marzo”.

Potrebbero interessarti anche